martedì 21 novembre 2017

SP500 2018

Nel grafico la linea arancione rappresenta la tendenza a lunghissimo termine dell'
SP500 che in prospettiva vede una chiusura dell' anno 2.018 attorno ai 3.000 punti.
La linea gialla della tendenza a lungo rimane sotto alla linea arancione nelle fasi di
pessimismo di borsa, mentre rimane sopra alla linea arancione quando la borsa è
ottimista come ora.
Però ci sono anche indicatori a medio lungo termine che indicano che l' ottimismo
potrebbe non durare per tutto il 2.018 e che quindi potremmo assistere ad una fase
di aggiustamento dei valori di borsa.
Sia la linea gialla che quella arancione sono state costruite applicando il principio di
indeterminazione, pertanto sia le fasi di ottimismo che il pessimismo di borsa hanno
una connotazione probabilistica.
Di conseguenza bisogna seguire costantemente l' evoluzione dei vari indicatori che
sono calcolati nel trading system in diverse dimensioni di prezzo e tempo.



sabato 18 novembre 2017

Un SP500 a 3 velocità

Spesso è utile valutare la tendenza di un indice con indicatori costruiti su tempistiche
diverse che valutano quindi il movimento dell' indice con 3 velocità.
Applicando questo principio all' SP500 vediamo che le onde di oscillazione in giallo
ed arancione costruite con parametri a breve segnalano una inversione della tendenza
a breve da rialzista a ribassista.
Invece, la linea blu del MACD a medio termine, dopo un piccolo rimbalzo, ora si è
appiattita e segnala che potremmo essere vicini o nell' intorno di un massimo.
Infine la linea in azzurro del MACD a Lungo termine, il quale risulta un pò in ritardo
sia sui minimi che sui massimi rimane positiva, in crescita ed avvalora la speranza di
nuovi massimi a Wall Street.
Ora anche se non abbiamo delle indicazioni univoche abbiamo però degli indizi che
indicano la vicinanza di massimi importanti e questo va valutato con attenzione nelle
sedute di borsa dei prossimi giorni e settimane.


mercoledì 15 novembre 2017

Obiettivo e supporti dell' FTSE MIB


Il trading system calcola sulla curva della trendline a lungo arancione un obiettivo di rialzo
a 25.400 punti mentre i Macd a medio ed a lungo termine vedono una fase di ribasso.
Allora bisogna consultare i supporti che iol trading system che sono riportati a destra nel
grafico aggiornato ad oggi alle ore 12:00.
E' necessario tenere presente che sui vari supporti l' indice tenderà a rimbalzare e quindi
occorrerà prudenza per non affrettarsi a prendere un investimento di lungo periodo.


martedì 7 novembre 2017

La tendenza del prezzo del petrolio

Il prezzo del future del petrolio oggi alle 111:30 è di 57,34 dollari ed ho usato
l' ETF DBO per calcolare gli obiettivi/resistenza della sua tendenza rialzista.
Come ho riportato nel grafico il primo obiettivo/resistenza si pone a 59 dollari
e questo corrisponde al valore di una tendenza a medio termine.
Però il prezzo del petrolio ha già raggiunto di recente il valore della curva in
azzurro dell' oscillatore Trend a lungo che ora proietta un obiettivo di prezzo
di 64,5 dollari.
Il valore calcolato dalla curva in azzurro è in aumento rispetto a quello di inizio
2017 perchè la curva in giallo del Trend a lunghissimo ha individuato un rialzo
di lunghissimo periodo dal minimo del febbraio 2015.
Allora non rimane che calcolare i prossimi obiettivi/resistenza che si pongono
rispettivamente a 72 ed uno spike a ben 112 dollari nel 2018 qualora la politica
dei tassi di interesse rimanesse accomodante.
Al momento solo una politica più decisa nell' aumento dei tassi di interesse può
frenare la tendenza rialzista del prezzo del petrolio che genera inflazione.


venerdì 3 novembre 2017

L' SP500 in equilibrio sui debiti

Nel grafico dell' SP500 la curva arancione della trendline a lungo ci aiuta a vedere
che siamo su uno spike, quindi su una fase di massimo.
Mentre l' area in azzurro che è consistente nel segnalare la forza del trend, anche
se non è precisissima, segnala debolezza che fa pensare ad una fase laterale poco
rialzista dell' indice, quindi ad una fase laterale.
Anche quest' ultimo rally ha visto un contributo importante sia dei margin debts,
come evidenziato dal secondo grafico, e dal deficit di bilancio US al -3,5% che
sta generando o meglio finanziando una crescita del PIL di circa il 3%, ricordo
che il rapporto debito PIL americano è al 106%.
Sorgono allora le seguanti domande: il deficit di bilancio US continuerà anche
con il governo repubblicano che sta pensando di tagliare dei tax credit, compreso
quello sull' acquisto di auto elettriche, ed altro?
Inoltre come l' aumento dei tassi della FED ed il suo progressivo anche se lento
rientro dalla QE come incideranno sui margin debts?
Per ora mi fermo dell' indicazione che la tendenza alla crescita degli indici di Wall
Street sta rallentando ed osservo la loro evoluzione, compreso il rally di Natale.







mercoledì 1 novembre 2017

I nuovi obiettivi dell' FTSE MIB

Oggi l' FTSE MIB ha superato l' Obiettivo/Resistenza di 22.800 ed i nuovi
obiettivi resistenza sono: 23.600, 24.100 e 24.800 con due nuovi limiti che
sono evidenziati dal MACD (TLCD). Grafico aggiornato oggi alle 14:00.


lunedì 30 ottobre 2017

Ci sono anche FCA e Ferrari

Nel trading system ho confrontato le performance delle società del Dow Jones e
del Nasdaq100 con FCAU (FCA in $) e RACE (Ferrari) sia dal minimo del 2016
e poi dal supporto di aprile 2017 a venerdì 27 ottobre.
Nella tabella che riporto ho estratto solo le 25 migliori società ed ecco che tra le
prime spiccano anche FCA e Race e complimenti ai loro manager.










sabato 28 ottobre 2017

Il Nasdaq Amazon e l' incertezza

Venerdì è stata una giornata molto positiva per il Nasdaq ed Amazon, anche
meglio di come preannunciato dagli indicatori statistici del Trading System.
Dove comunque la linea verde dello Short Term Trend Oscillator con i suoi
minimi in rialzo indicava appunto una fase rialzista di borsa.
Gli elementi di incertezza sono invece riportati dal Nasdaq che è sceso tre
volte sotto la trendline arancione a lungo termine
Nell' azione Amazon invece la discesa del titolo nei mesi precedenti portò
anche la trendline gialla a medio termine sotto quella a lungo termine dando
dando perciò un segnale maggiore di incertezza.
Forse Wall Street è salita molto o forse la situazione internazionale è diventa
più complessa e critica però la gestione delle azioni richiede ora l'attenzione
ai segnali deboli come quelli forniti dal un oscillatore trend a breve.































venerdì 27 ottobre 2017

Il DAX a 14.000 punti?

Il DAX ha superato l' obiettivo/resistenza che aveva a 13.000 punti riportando
il MACD (TLCD) in positivo ed ora si sta avvicinando alla resistenza a 13.300
punti mentre il trading system calcola un altro obiettivo/resistenza a 14.000.
L' FTSE MIB che è pure su una resistenza ed è meno ottimista, ma c'è sempre
il rally di Natale alle porte. Dati aggiornato alle ore 12:00 di oggi 27 ottobre.


mercoledì 25 ottobre 2017

Gli obiettivi del Dow Jones Industrial

Guardando nel grafico a sinistra in basso vediamo che nel 2016, prima per la Breit
e poi per i timori sulla crescita dopo il DJI è andato 2 volte a cercare supporto sul
un minimo in corrispondenza di numero significativo di Wall Street.
In questa dinamica ha sempre generato dei minimi crescenti che hanno portato a
massimi crescenti.
Poi ad aprile 2017 l' indice è andato di nuovo a cercare supporto sull' intorno di un
altro numero strutturale importante.
Da li il DJI è stato sospinto ad ulteriori rialzi soprattutto dai profitti crescenti delle
banche Americane che di recente hanno generato un Spike perchè l' indice è finito
sopra le due trendlines, quella gialla a medio e quella lungo termine in arancione.
Se siamo su uno spike è il rialzo è finito?
Non necessariamente perchè il Trading System statistico vede ulteriori possibilità di
rialzo fino a 24.600 punti che se verranno raggiunti daranno al TS altri elementi per
calcolare eventuali ulteriori massimi.
Però nel contempo osserviamo come la questione della Corea del Nord ed i dissensi
all' interno del partito Repubblicano influiranno sullo sviluppo della borsa.



domenica 22 ottobre 2017

L' SP500 all' opposto dell' FTSE MIB

L' SP500 all' opposto dell' FTSE MIB ha il MACD (TLCD) con minimi e massimi
in rialzo e l' indice è sopra il canale rialzista disegnato dalla linea gialla ed arancione,
quindi in una fase di Spike speculativo al rialzo.
Ora nella crisi 2008/2009 gli Stati Uniti salvarono prima Citibank e poi con la TARP
le altre banche americane ingabbiate nei mutui subprime in parte inesigibili.
Questa ristrutturazione del sistema bancario americano assieme alle successive QE
hanno aiutato la ripresa economica americana e ridotto molto la disoccupazione.
Purtroppo lo stesso non è accaduto in Italia dove qualcosa è stato fatto però ora c'è
una commissione bancaria che può accertare perchè alcune banche fallite non hanno
seguito le indicazioni della Banca d' Italia ma anche della BCE, accipicchia.



venerdì 20 ottobre 2017

L' FTSE MIB è ancora alla ricerca di supporto

Nel Grafico dell' FTSE MIB l' indicatore MACD a medio termine in verde
evidenzia le 4 onde rialziste seguite al periodo di accumulo del 2016.
Il MACD dopo avere segnalato l' inizio del rally con i minimi in rialzo ora
ha i massimi delle onde con una tendenza ribassista a medio termine.
L' altro elemento negativo è la linea gialla della tendenza a breve termine
che diminuisce la sua oscillazione e tende a portarsi sotto la linea arancione
della tendenza a lungo.
Del resto l' FTSE MIB è molto popolato da azioni delle banche Italiane che
hanno troppi NPL, crediti inesigibili, come è di recente stato scritto.
Per uscire da questi problemi servirebbe una politica coraggiosa di vendita
degli NPL a società specializzate nella raccolta del credito e concentrazioni
e ricapitalizzazioni bancarie sul mercato.
Tutte cose che non sono gradite ai gruppi di potere che controllano le banche
che sono appoggiati anche da chi accusa la Banca d' Italia ed abbaia alla luna.
Tutte politiche che allontanano la soluzione del problema degli NPL.
Mentre risolvere il problema degli NPL darebbe maggior slancio alla ripresa
economica, ma forse sono un liberale utopista.
I dati sono aggiornati alle 17:35 del 20 ottobre 2017.






giovedì 19 ottobre 2017

Applied Materials sul massimo dell' ottimismo

Applied Materials, Inc., la seconda azienda del portafoglio del Blog, fornisce
attrezzature, servizi e software per la produzione di semiconduttori, display e
industrie correlate in tutto il mondo.
Grazie ai sui brillanti risultati economici ed all' ottimismo del mercato il valore
delle sue azioni dal minimo del febbraio 2016 è salito di ben 3,4 volte.
Questo dimostra ancora che per fare performance bisogna investire sui migliori
titoli seguendo le indicazioni di tendenza del mercato.
In questo ultimo periodo però la volatilità del titolo è aumentata e forse questo
è un segnale che il titolo può preannunciare dei cambiamenti di mercato, nulla
di certo ma altri titoli sono nella stessa situazione.
Un aumento della volatilità non va sottovalutato ne sui minimi ne sui massimi.


domenica 8 ottobre 2017

Un DAX in volatilità

Il DAX dopo un periodo di volatilità con uno spike ha generato un nuovo
massimo a 12.968 punti confermando l' obiettivo di 13.000 punti che era
stato stimato dal trading system in primavera.
Venerdì un job report con una perdita di posti di lavoro ha interrotto il rally
in delle borse e questo nuovo problema si è andato a sommare a quello della
Corea del Nord ed alle difficoltà di Trump nell' applicare il suo programma.
Le ragioni che avevano generato la volatilità in precedenza si sono quindi
complicati e guarda caso il MACD solo per poco ha raggiunto la positività.


domenica 1 ottobre 2017

Un Nasdaq a due velocità

Il grafico riporta un Nasdaq 100 con il MACD calcolato a due velocità che ci mostra il
tentativo in corso dell' indice a riprendere la tendenza rialzista.
A conferma, nella parte alta del grafico l' indice sta rientrando nel canale rialzista anche
se osservando l' evoluzione di alcune azioni si evidenzia che è in corso una rotazione dei
titoli verso i massimi.
Ad esempio, Nvidia che è il leader mondiale delle GPU (schede video) e è anche leader
del portafoglio proposto dal Blog perchè in 2,5 anni è aumentata ben 7,5 ora è il 4,7 %
sotto il suo massimo mentre l' indice è sotto il massimo solo dello 0,4%.
Poi quando calcoliamo il discouted cash flow con il tasso del dollaro all' 1,25 c'è ancora
dello spazio di crescita, buona domenica.


domenica 24 settembre 2017

Il Nasdaq va verso un massimo storico?

Sugli indici Americani il trading system calcola un ulteriore obiettivo di rialzo
di oltre il 5% però di recente sul Nasdaq100 è apparsa la divergenza D4 tra l'
indice e l' indicatore MACD a medio e lungo termine.
Ora quando osserviamo le precedenti divergenze D1, D2 e D3 vediamo che alla
prima divergenza è seguito un nuovo massimo marginale, mentre nel caso della
seconda divergenza D2 ne è seguito un importante aggiustamento.
Infine alla terza divergenza D4 il Nasdaq100 ha trovato il supporto S3 a cui è
seguito il rally che dura da quasi un anno.
Anche se una divergenza non significa la fine di un rally rappresenta pur sempre
un segnale a cui bisogna prestare attenzione assieme ad altri segnali di tendenza.


mercoledì 13 settembre 2017

Una visione sull' FTSE MIB

Nel grafico dell' FTSE MIB notiamo che sia la Trendline a Lungo che i movimenti
dell' oscillatore MACD indicano rialzo e gli obiettivi, nonchè resistenze di rialzo,
sono 22.800, 23.400 e 25.500 punti.
L' oscillatore risulta significativo perche' è costruito con elementi a breve, medio e
lungo termine evitando così l' effetto "time decadence" tipico degli oscillatori che
sono in circolazione sul web vengono calcolati solo a breve o a medio termine e che
quindi risultano inutili per i rally prolungati.


domenica 10 settembre 2017

FCA e gli indicatori a medio e lungo termine.

Il grafico di FCA a Wall Street descrive l' andamento del titolo negli ultimi 2 anni
dove la Trendline a Lungo dal minimo del luglio 2016 sale costantemete.
L' indicatore a medio termine MACD segue invece meglio le variazioni del titolo,
però il trend delle sue variazioni indica l' impostazione rialzista. 
Al momento solo l' oscillatore Trend a brevissimo esprime qualche dubbio sul 
rialzo mentre dall' oscillatore Trend a breve in su gli indicatori sono positivi. 
Per chi fa l' investitore di periodo le curve degli indicatori a medio e lungo periodo 
sono un' ottima guida per decidere come operare sul mercato.


sabato 2 settembre 2017

Il DAX: supporti ed obiettivi

Questo è il grafico el DAX letto con il mio Trading System dove immediatamente
salta all' occhio che l' indice giunto in prossimità dell' obiettivo a 13.000 punti ha
iniziato un aggiustamento.
L' indice, con diversi rimbalzi sui livelli di supporto a breve termine è sceso prima
fino al primo livello di supporto a medio termine e poi fino al secondo livello di
supporto sempre a medio termine da dove sta rimbalzando di nuovo.
Come riportato dal grafico ci sono altri livelli di supporto a lungo termine ma non
è necessario che il DAX scenda ancora perchè potrebbe avere già trovato unlivello
di supporto sufficiente per risalire
Oppure, l' indice potrebbe anche prendere tempo lateralizzando per un pò prima di
risalire, molto dipende dagli eventi che si stanno materializzando.


domenica 27 agosto 2017

Segnali di massimo sull' HSI della Cina

Il grafico inizia con il 2016 dove c'è il minimo dell' attuale rally e prima evidenzia
che tra settembre ed ottobre 2016 si era generata una divergenza positiva tra l' HSI
che ribassava e l' oscillatore a lungo termine che continuava a salire.
Ora invece evidenzia una divergenza negativa tra l' HSI che sale e l' oscillatore che
scende, quindi una divergenza negativa che ci fa supporre di essere in presenza di
uno spike che è un indicatore di massimo.
La prossime settimane saranno fondamentali per capire la futura evoluzione dell'
indice Cinese ed in questo ci aiuterà anche l' indicatore "delta trendlines a medio"
termine che applica il principio del MACD in modo puntuale.


domenica 20 agosto 2017

L' incertezza del Nasdaq

Il Nasdaq100 ha il canale rialzista, delimitato dalla linea gialla e da quella
arancione ancora attivo anche se di recente ci sono stati dei deragliamenti
verso il basso che hanno generato due segnali negativi.
Il primo è il movimento S1 (spalla 1), testa, S2 (spalla 2) in concomitanza
con la crisi politica con la Corea del Nord, ora rientrata ma sempre latente.
Il secondo segnale negativo accade poi tra l' indice che rialza dopo la crisi
su un nuovo massimo e l' oscillatore Trendlines Convergenza, Divergenza
che da un punto di vista concettuale è un MACD complesso e preciso.
L' ultimo fatto negativo è stato lo scioglimento dei Forum con dei CEO US
che Forbes ha commentato seccamente in questo modo:
"The Day The Lights Went Out At The White House".
Nell' analisi statistica i segnali positivi o negativi sono sempre generati da
fatti reali di natura economico, finanziaria o politica e di conseguenza ora
bisogna immaginare il futuro, che spesso è la continuità del presente.




martedì 15 agosto 2017

Automobili e spezzattino

Nella tabella metto in relazione la capitalizzazione di FCA e Ferrari con alcune case
automobilistiche ed il valore di borsa di FCA e Ferrari risulta sempre inferiore.
Quando poi confrontiamo FCA da sola, con le altre case qutomobilistiche il suo valore
di borsa è decisamente inferiore e fino a 4 volte. Allora in un mondo dove i tedeschi
hanno costruito la loro fortuna sulle acquisizioni e le integrazioni per guadagnare
sinergie a me risulta difficile comprendere come F.C.A. abbia pensato di acquisire
altre società.
Capisco piuttosto che ora si possa volere completare lo spezzattino perchè non si
riesce a creare valore con acquisizioni. In famiglia utilizziamo auto FCA di cui siamo
soddisfatti, quindi non c'è alcun pregiudizio.

domenica 13 agosto 2017

L' FTSE MIB è alla ricerca di supporto

Il nostro indice FTSE MIB ha una Trendline a Lungo, in arancione, positiva con
obiettivi di rialzo tre 22.200 e 23.650 punti.
Però dopo il massimo di quest' anno a 22.048 punti, quindi moto vicino al primo
obiettivo rialzista, ha virato al ribasso alla ricerca di supporto come evidenziato
dall' indicatore Delta Trendlines a Medio (MACD).
Questa virata al ribasso è avvenuta in concomitanza con la crisi tra USA e Nord
Corea che ha frenato anche Wall Srtreet.
Però nel caso dell' FTSE MIB era già in atto una frenata nella dinamica del rialzo
evidenziata dall' indicatore Delta Trendlines a Medio che in questo ultimo rialzo
era rimasto in area negativa.




giovedì 3 agosto 2017

Il Dow Jones Industrial è rialzista!

Il Dow Jones Industrial ieri a chiuso a 22.016 punti ed ha gli indicatori statistici
rialzisti, attenzione però che l' indice è di nuovo su uno spike sopra le linee del
canale rialzista per cui è possibile qualche aggiustamento.
Se nella eventuale fase di aggiustamento sia la linea arancione della Trendline
a Medio rimane sopra quella gialla della Tendenza a Lungo e l' indicatore Delta
delle Trendlines rimane positivo la struttura rialzista rimarrà intatta.
Se invece si dovesse verificare un aggiustamento più incisivo occorrerà indagare
per capire se la struttura rimarrà sempre rialzista.
Siamo solo in un campo di discussione perchè l' indice è di nuovo su uno Spike,
mentre gli indici Europei sono stati ridimensionati dalla rivalutazione dell' Euro
che, in un mondo dollaro centrico, ha invece avvantaggiato quelli di Wall Street.


domenica 23 luglio 2017

Il DAX è in aggiustamento

Il grafico del DAX evidenzia prima l' uscita dell' indice dalla linea gialla dalla Trendline
a Lungo e poi la rottura del canale rialzista perchè la linea arancione della Trendline a
Medio termine scende sotto quella gialla.
La differenza delle Trendline media resta comunque in un area di supporto, mentre quella
delle Trendline a Lungo rimane positiva.
Siamo quindi in una situazione di aggiustamento a medio termine e non in una correzione
di lungo termine.
Bisogna inoltre tenere presente che il Nasdaq100  è ritornato a generare nuovi massimi
solo marginali ed allora pure l' evoluzione di Wall Street richiede quindi molta attenzione.


domenica 16 luglio 2017

Gli obiettivi dell' FTSE MIB

Dopo il segnale Long del Delta Trendlines Medio di fine 2016 è partito un rally
che con varie ricerche si supporto, individuate dall' indicatore Delta Trendlines
a Medio termine che ha ancora un segnale Long nella Tredline a Medio.
Quindi è ancora interessante individuare gli obiettivi a Medio dell' FTSE MIB
che in sintesi sono: 21.550, 21.900 e 22.700.
Naturalmente vanno usati gli appropriati stop loss anche perchè sono 20 anni
che prevedono una economia che cresce più delle aspettative che in automatico

farà diminuire il debito pubblico: alla faccia del bicarbonato.


domenica 9 luglio 2017

L' SP500 in incertezza

Come emerge da alcuni indicatori a Medio ed a Lungo termine che riporto nel
grafico allegato l' SP500 è entrato in una fase di incertezza.
Mentre anche i recenti dati sull' aumento degli occupati mostrano una economia
in una fase positiva l' aumento dei tassi di interesse iniziato dalla FED rischia di
portare ad una recessione per le seguenti ragioni.
Questa fase positiva dell' economia e delle borse è stata anche supportata dall' 
espansione del credito agli individui che ora sono mediamente molto indebitati e 
dall' espansione dei margin accounts che hanno raggiunto nuovi massimi.
In contrapposizione i salari sono cresciuti solo del 2,5% all' anno ed i debiti degli
individui diventano molto più costosi con l' aumento dei tassi e questo potrebbe
frenare i nuovi consumi.
Mi sono fatto queste idee leggendo alcuni siti americani come la CNN e quindi
resto in attesa di verificare se alcune previsioni negative fatte anche un anno fa

avranno dei riscontri, quindi rimango in vigile attesa come del resto le borse.


sabato 1 luglio 2017

L' Eurostoxx50 rimbalzerà?

Il grafico dell' Eurostoxx50 evidenzia la rottura del canale rialzista (la linea 
gialla che scende sotto quella arancione), i minimi della differenze delle 
trendlines (MACD) in  discesa ed un MACD a lungo (in azzurro sul grafico)
piuttosto debole. La domanda che sovviene è? 
Riuscirà l' Eurostoxx50 a trovare la forza di rimbalzare e ripristinare il canale 
rialzista o proseguirà oscillando nella sua discesa? La zona Euro purtroppo ha 
diversi problemi che vanno dalla Brexit all' Italia che non desidera una seria
spending review per difendere la casta!




venerdì 30 giugno 2017

Il Nasdaq NON rassicura

Il recente andamento del Nasdaq non rassicura perchè se è vero che il Nasdaq100 ha
perso solo il 3,95% dal suo massimo l' indicatore Delta Trendlines a Breve sta dando
alcuni segnali negativi che in passato hanno portato a correzioni molto importanti.
L' indicatore della differenza delle Trendlines a Lungo resta positivo, mentre quello
a Medio, che non riporto per non complicare il grafico, si posiziona neutro.
Quindi non è da escludere che possiamo essere all' inizio di una fase di correzione
dei mercati anche se il Dow Jones per ora sembra un "ancora di salvezza".
Ricordiamoci invece che siamo nei mercati azionari e non dallo psicologo.


mercoledì 28 giugno 2017

Il Dow Jones inizia una tendenza Laterale?

Il Dow Jones inizia una tendenza Laterale? Questo è quanto può emergere dall'
osservazione del grafico dove la volatilità diminuisce, mentre le differenze delle
Trendlines rimangono positive anche se con minore forza.


domenica 18 giugno 2017

Il Nasdaq ed i tassi di interesse

Il Nasdaq è stato il principale beneficiario della quantitative easing e della politica
della FED dell' abbassamento dei tassi d' interesse.
Nel grafico riporto il Nasdaq 100 che ha realizzato un minimo di ciclo il 9 febbraio
2016 a 3.948 punti ed una massimo di ciclo a 5.855 punti l' 8 giugno 2017, quindi
poco prima del recente rialzo dei tassi della FED.
Dopo il recente massimo l' indice ha iniziato un aggiustamento che venerdì scorso
trova un supporto a breve, ma non ancora a Medio, Lungo o Lunghissimo termine.
Il Nasdaq 100 ha anche un obiettivo di trend superiore ai 5.885 punti già raggiunti
ed allora dobbiamo valutare se l' indice cercherà di raggiungere un nuovo massimo
oppure se cercherà supporto più in basso.
Un nuovo massimo dovrebbe essere un bel pò per confermare l' indice rialzista|


sabato 10 giugno 2017

Un FTSE MIB alla ricerca di supporti

Ho intitolato il post "Un FTSE MIB alla ricerca di supporti" perchè dopo il rally
dal minimo del novembre 2016 l' indice ha generato un triplo minimo ed ora sta
cercando di uscire al rialzo da un poppio minimo.
Sempre al minimo del novembre 2016 l' FTSE MIB ha una volatilità superiore
al DAX del 32% e tutto questo porta in negativo l' indicatore Delta Trendlines
a Lungo, questo indicatore è simile al MAC; ma è più puntuale.
L' indicatore a Delata Trendlines a Medio è positivo perchè riflette l' andamento
dell' indice che è stato rialzista però bisogna fare attenzione perchè la visione a
Lungo al momento è negativa, osserviamo come si evolverà!


domenica 4 giugno 2017

Gli obiettivi del DAX

Il DAX, che venerdì ha chiuso con un bel + 1,25% a 12.823 punti è nel canale rialzista a
lungo termine indicato nel grafico con l' area azzurra.
Il DAX ha un primo obiettivo, che è anche una resistenza, a 13.000 punti, mentre ha un
secondo obiettivo / resistenza a 14.000 punti.
Quindi sarà molto importante vedere come si comporterà ora che si sta avvicinando alla
resistenza del 13.000 per capire se ha le possibilità di raggiungere l' ambizioso obiettivo
dei 14.000 punti.
Il trading system fornisce anche altri obiettivi intermedi però ora cito solo i 2 principali.


giovedì 25 maggio 2017

Attenzione all' FTSE MIB

Il grafico evidenzia che l' FTSE MIB è sulla terza onda rialzista con la Trendline
a Breve che indica l' avvicinarsi di un aggiustamento mentre l' oscillatore Trend a
Medio/Lugo ha i massimi discendenti, quindi negativi.
La Trendline a Medio invece è ancora positiva e fa pensare ad un aggiustamento
limitato, però qualora la Trendline a Medio/Lungo  dovesse diventare negativa l'
aggiustamento può diventare una seria correzione anche importante.
Dati aggiornati oggi alle ore 11:00 A.M..


giovedì 18 maggio 2017

Il rialzo delle borse durerà sempre?

Per comprendere se il rialzo delle borse durerà sempre prendo in considerazione
l' andamento dei Marginal Accounts U.S. che raccolgono i debiti che finanziano
la borsa americana, fin da sempre.
Come possiamo notare, c'è una forte correlazione tra l' andamento dell' SP500 e
quello dei Marginal Accounts, cioè dei debiti che finanziano la borsa americana,
che sottolinea la loro importanza nel determinare le quotazioni.
C'è anche da notare che questi debiti sono in espansione e che sul minimo del
2.009 valevano il doppio rispetto al 1.995.
Quindi per ora non ci sono elementi per pensare che vadano a zero ma che sono
sempre in evoluzione ed ora sono su un massimo come gli indici americani e la
domanda che è lecito porsi è se questa espansione durerà sempre.
Questo ci porta a porci una domanda in parallelo, l' economia crescerà sempre?
Ebbene in questi anni di espansione del credito con tassi bassissimi, anche molte
persone hanno espanso i loro debiti per mutui e prestiti vari e forse ora per hanno
stanno esaurendo la loro capacità di fare nuovi debiti.
Infatti, vediamo ad esempio il mercato dell' auto sta frenando da un paio di mesi
e qualche azienda importante sta iniziano a pianificare il taglio del personale.
Sarà un malanno solo passeggero o c'è il pericolo che una frenata dell' economia
si espanda e le politiche di Trump protezionistiche aiutino questa frenata?
Nel caso prevalesse la frenata dell' economia , con le borse ed i marginal accounts
sui massimi c'è da attendersi un forte ridimensionamento di entrambe, vedremo!


domenica 14 maggio 2017

Il Dow Jones Industrial rallenta

Come evidenziato dal grafico il Dow Jones Industrial è su una resistenza poco sopra
i 21.000 punti e rallenta la crescita. 
Nessuna novità rispetta alla settimana scorsa e dobbiamo ancora attendere almeno
fino a fine mese per capirne la sua futura evoluzione.


mercoledì 10 maggio 2017

La resistenza sul Dow Jones Industrial

Questo è il grafico del Dow Jones Industrial dove notiamo una resistenza pco
sopra i 21.000 punti che gli imedisce di raggiungere nuovi obiettici ambiziosi.
L' indicatore differenza delle Trendline a Lungo rallentando la crescita rileva
la resistenza però ci vorranno almeno 15 giorni di borsa prima che ci informi
se siamo in un periodo di accumulazione o se sta per giungere una correzione.
Gli indicatori a Lungo, per essere significativi hanno pur sempre del ritardo.


sabato 6 maggio 2017

Gli indici sono su una resistenza però.....

Gli indici sono su una resistenza però hanno ancora obiettivi di crescita.
Quando prendiamo come esempio il DAX vediamo che l' indice ha una
resistenza a 12.725 punti, mentre ha obiettivo di massimo a 13.780.
Gli altri indici sono in una situazione analoga e con diverse potenzialità.


domenica 23 aprile 2017

Le tendenze del prezzo del petrolio

Come evidenziato nel grafico il prezzo del petrolio ha messo a segno una serie di
minimi in rialzo anche ben descritta dall' oscillatore trend a lunghissimo in blu.
Ora però sta disegnando un massimo in ribasso ed anche questo ben riportato dall'
oscillatore a lungo termine quindi bisogna fare molta attenzione a dove andrà a
posizionarsi il prossimo minimo verso cui tutti gli indicatori statistici tendono.



sabato 15 aprile 2017

Il DAX è a rischio?

Questo è il grafico che riporta l' evoluzione del DAX dal minimo del febbraio 2016.
Dal dicembre del 2016 nche il DAX come l' SP500 ha disegnato un canale rialzista
che sull' oscillatore a lungo ha disegnato una grande divergenza che ora evidenzia il
pericolo di una deciso aggiustamento de non addirittura di una fase di correzione.
L' indice DAX ora si è portato sul lato inferiore del canale rialzista allontanandosi
dall' obiettivo di 12.540 punti.
Considerando tutto l' ottimismo che contiene questo rally con novità come la Brexit,
la border tax di Trump e lo spread dell' Italia in aumento è anche possibile una presa
di profitto di chi è a leva con marginal accounts.
Storicamente dei marginal accounts e quindi la loro leva sulla borsa aumenta quando
c'è ottimismo nel mondo economico mentre diminuisce quando c'è pessimismo,
Poi c'è chi scommette che le borse cresceranno ancora per un anno anche se ora gli
indicatori statistici non sono così ottimisti, anzi intravvedono delle difficoltà.





































martedì 11 aprile 2017

L' FTSE MIB è nell' incertezza

L' FTSE MIB ha realizzato di recente un nuovo massimo relativo il 31 marzo 2017
a 20.483 punti che però è in divergenza con gli indicatori statistici.
Gli indicatori statistici erano sul loro massimo vicino al massimo relativo dell' indice
FTSE MIB a 19.688 del 6 gennaio 2017.
Ora gli indicatori sono in una fase interlocutoria perchè anche se positivi vedono un
pò più probabile una nuova fase di ribasso che una nuova salita dell' FTSE MIB.
I data sono aggiornati ad oggi 11 aprile 2017 alle ore 11:00 ed attendo la chiusura di
questa sera per una conferma del trend in atto.





mercoledì 29 marzo 2017

Gli obiettivi del DAX

Gli obiettivi del DAX però attenzione all' impatto della Brexit ed alla border tax di Trump.


domenica 26 marzo 2017

L' SP500 è nel canale rialzista

Come evidenziato nel grafico l' SP500 è all' interno di un canale rialzista anche
se si sta appoggiando sul lato inferiore in blu che è però un supporto che qundi
da lunedì potrebbe generare un rimbalzo.
Però la curva di volatilità ha assunto un andamento negativo come aveva fatto
ad agosto 2016 quando anticipò un aggiustamento che raggiunse un minimo a
all' inizio di novembre.
Qualora si verificasse un nuovo aggiustamento della stessa rilevanza l' SP500
andrebbe a toccare un minimo a 2.255 punti prima di rimbalzare con forza.
Però c'è da tenere conto che il trading system attualmente vede un ciclo un un
massimo a 2.450 punti ed un minimo a 1.810 punti, come nel febbraio 2016.
Per completezza di informazione riporto anche che tra il supporto a 2.255 punti
e quello a 1.810 ci sono ben altri re supporti importanti e quindi bisogn seguire
con metodo l' evoluzione della situazione, intanto buon rimbalzo se ci sarà.


sabato 25 marzo 2017

L' FTSE MIB verso un massimo

L' FTSE MIB sembra orientato a raggiungere un nuovo massimo relativo
un pò sotto i 21.000 punti e questa ipotesi è rafforzata dall' analisi tecnica
su timeframe più vicini di quelli esposti in questo grafico.


sabato 18 marzo 2017

L' SP500 perde forza

Ieri era il rinnovo tirmestrale dei deiravi a Wall Street ha chiuso galleggiando e
questo può significare che un aggiustamento o una correzione possano essere in
arrivo, il Long Term Volatility Index in azzurro tende verso il basso.
Può essere solo un aggiustamento fino alla Long Term Trendline oppure anche
una correzione più decisa fino al punto di supporto della curva in arancione che
è la Medium Term Trendline, eccetera.
Le osservazioni di analisi tecnica riportano che un rialzo termina con uno Spike
come quello indicato nel grafico, poi i miracoli della liquidità sono infiniti.




venerdì 10 marzo 2017

SP500 rimbalza dentro il canale

La trendline a brevissimo vede l' SP500 che rimbalza dentro il canale rialzista formato
dalla linea blu e da quella arancione, mentre l' indicatore di volatilità a lungo termine
conferma che siamo in una fase di massimi dall' esito non scontato.