venerdì 27 febbraio 2015

L' SP500 è in bilico

L' SP500 ha segnato nuovi massimi ma i Trend non sono saliti sui valori massimi
e questo significa che il ciclo rialzista non è stato completato.
Per completare il ciclo rialzista SP500 dovrebbe raggiungere i 2.150 punti mentre
ieri l' indice ha chiuso con gli indicatori in bilico tra rialzo e ribasso.
Le cause di queste difficoltà ed essere ottimisti fino in fondo le conosciamo tutte e
vanno dal probabile rialzo dei tassi Americani, ieri il Financial Times scriveva che
la Yellen paventava il rialzo dei tassi prima che fosse troppo tardi.
Poi il prezzo del petrolio è visto ancora significativamente in ribasso ad esempio da
CITI ed il problema Greco la cui soluzione positiva non è proprio sicura come sotto-
lineato da Saxo bank.
C'è sempre tanta liquidità ma di problemi se ne sono accumulati forse un pò troppi?


giovedì 26 febbraio 2015

ENI: Long in corso

ENI ha seguito il rimbalzo del petrolio e dei titoli petroliferi in generale.
Ecco il grafico dell' ENI che evidenzia un segnale Long in corso dal 15 
gennaio 2015 e che rimarrà tale fino a che la linea rossa no sormonterà 
quella verde, anche il calcolo dei probabili obiettivi di rialzo dà ancora 
dei piccoli margini di guadagno.

domenica 22 febbraio 2015

3M raddoppia

La società 3 M ha i profitti che crescono di circa al 10% all' anno, anche nella previsione degli analisti per il 2015, mentre il tasso di crescita dell' azione nell' ultimo anno si è attestato al 20%. Il tasso di crescita dell' azione RADDOPPIA rispetto al tasso di crescita dei profitti. E' merito delle QE2? Può essere ma se esaminiamo l' andamento delle Onde, dei massimi del Frattale e la TrendLine nel breve periodo possiamo pensare ancora ad un proseguimento del rialzo. Ma in questo quadro idilliaco ci sono delle imperfezione: i minimi importanti dell' azione crescono meno dei massimi ed i minimi del frattale sono in discesa. Inoltre le onde dei Massimi e dei Minimi sono in avvicinamento sul massimo in formazione invece di essere in espansione. Quindi attenzione ad appena dopo il breve periodo, cioè sul medio periodo.

sabato 21 febbraio 2015

Quali informazioni fornisce il Blog?

E' giusto porsi la domanda: quali informazioni fornisce il Blog oltre ai grafici?
Per rispondere pubblico la tabella elaborata per venerdì 20 febbraio sulla base
della chiusura di giovedì 19.
La tabella viene elaborata in base ai calcoli ed ai grafici del Trading System ed
è pubblicata su base giornaliera.
Nella tabella ci sono i 3 indici trattati dal Blog con i relativi ETF consigliati poi
c'è la resistenza, il primo obiettivo ed il secondo, naturalmente ci possono essere
ulteriori obiettivi che verranno riportati qualora il mercato superi quelli riportati.
Infine ci sono 2 livelli di Stop Loss per dare la possibilità al cliente può scegliere
il livello di oscillazione e quindi di rischio più adeguato alle sue esigenze.
Uno schema analogo viene sviluppato per le azioni che in genere vengono scelte
tra le migliori del mercato anche se qualcuna in rimbalzo può dare slancio.
Poichè i dati gli indicatori e la proiezione degli obiettivi vengono aggiornata tutti
i giorni gli obiettivi possono variare da giorno a giorno, anche se di poco.


venerdì 20 febbraio 2015

Il petrolio questo sconosciuto

Il petrolio è a noi sconosciuto perchè conosciamo i suoi derivati però dal luglio
2014 il suo prezzo ha perso smalto rialzista e si è addirittura più che dimezzato.
Come risulta dal grafico dal minimo del 6 gennaio 2015 il prezzo è rimbalzato
di circa il 15% e questo movimento è stato intercettato sia dal Trend a Breve e
dal Frattale a Lungo.
Ora però sia il prezzo del petrolio che gli indicatori tendono di nuovo verso il
basso e sulla chiusura di ieri alcuni indicatori, tra i quali il Trend a Breve hanno
dato un segnale negativo che inizia a dare delle probabilità di ritorno del prezzo
del precedente minimo per formare un doppio minimo.
Però visto che la produzione mondiale continua ad eccedere le richieste, che la
Russia ha firmato contratti con Cina, India ed altri paesi Asiatici per collocare
la sua produzione e che molti fondi d' investimento US hanno disinvestito dalle
società petrolifere non è molto sicuro che il prezzo si fermi sul doppio minimo.
Anzi è anche possibile che il prezzo vada a trovare supporto sotto i 40 dollari,
Buona giornata a tutti e teniamo conto che la grafica nel suo insieme e quello che
sta succedendo nel mondo ora stanno sconsigliando di mantenere l' investimento
in società petrolifere.


mercoledì 18 febbraio 2015

Whirpool e le Onde Massimi e Minimi

Ritorniamo a Whirpool che tutti conosciamo, almeno come marchio, per
osservare il comportamento e quindi i segnali delle Onde.
A sinistra vediamo che le Onde si avvicinano in prossimità del massimo a
cui segue un aggiustamento, questa dinamica è ricorrente come una regola.
L' aggiustamento termina segnalato dal triplo minimo del Frattale a Lungo
a cui seguono 5 avvicinamenti delle Onde che confermano i rialzi in corso.
Gli avvicinamenti sono seguiti da 5 espansioni delle onde fino ai massimi
ed ora siamo sull' ultimo che è un doppio massimo.
Nel frattempo il Frattale a Lungo accumula una piccola divergenza con la
TrendLine rialzista che sottolinea un iper comprato che di nuovo richiede
dell' attenzione.

.



domenica 15 febbraio 2015

L' FTSE MIB e non solo

Ecco un' aggiornamento parziale dell' FTSE MIB dove il Trend Medio 
è chiaro e le Onde dei Massimi e dei Minimi sono in compressione, il 
Blog nelle sezioni Clienti pubblica tutti giorni l' aggiornamento degli
indici FTSE MIB, del DAX ed dell' SP500, le loro resistenze ed i loro 
obiettivi, più una selezione di azioni.
Mentre se vogliamo cercare i minimi di rimbalzo basta inserire il Trend
a brevissimo come evidenzia il secondo grafico.





























venerdì 13 febbraio 2015

La Bad Bank e la Grecia

La Bad Bank è una idea non nuova della Banca Centrale Italiana anzi è ricorrente.
In sintesi significa che la Bad Bank acquista i crediti quasi inesigibili dalle banche
e si prende il rischio di credito, quindi anche le future perdite.
Secondo il dottor Visco la Bad Bank dovrebbe essere garantita dalla Stato Italiano
cioè da tutti noi che alla fine della storia ne pagheremmo le eventuali perdite.
Un' idea geniale che potrebbe permettere alle banche di pagare dividendi più alti o
di dichiarare minori perdite ma guarda caso andrebbe finanziata da noi cittadini.
Qualcuno direbbe: "facile fare il pugile con la faccia degli altri" e sono d' accordo!
Anche la Grecia sta provando ad ottenere più soldi dalle istituzioni Europee, cioè
dai cittadini Europei, in nome della crescita che porterebbe alla crescita del debito
in carico di noi cittadini Europei.
In questo contesto regna l' incertezza, prima la BCE per dimostrarsi energica blocca
i soldi alla banche Greche e poi riapre i "rubinetti",
Poi si forma un "gruppo di studio" per quantificare le differenze che già conosciamo
tra le posizioni dell' Euro Gruppo ed il governo Greco. ma i soldi dobbiamo ancora
metterceli noi cittadini Europei o li troverà il governo ellenico della buona sinistra?
Come finirà? I mercati per ora scommettono bene così possono crescere ed infine il
tempo sarà il giudice imparziale.

mercoledì 11 febbraio 2015

Cosa frena l' SP500

Osservando l' indice SP500 notiamo che la sue crescita è frenata anzi l' indice
è sotto i massimi di fine anno.
Sorge allora la domanda: "che cosa ne ha frenato la crescita?" La spiegazione
è nell' ETF VXX che indica una crescita della volatilità delle opzioni, cioè una
crescita delle opzioni put, ribassiste, per difendere le azioni da eventi nefasti
come il default della Grecia o la guerra dell' Ucraina.
In quest' ottica è chiaro che se uno dei due eventi nefasti si materializzano le
opzioni put aumentano e l' SP500 va al ribasso, mentre qualora i due problemi
si risolvessero le opzioni put verrebbero vendute il mercato salirebbe ed anche
di un bel pò. Non ci resta che attendere, c'è anche la possibilità della lateralità.



domenica 8 febbraio 2015

Il Trend dell' SP500

L'analisi statistica è ottima poi bisogna guardare alla realtà che ha generato i segnali e  nella realtà di oggi troviamo problemi: l' Ucraina e la Grecia che hanno segnato negativamente anche i Trend dell' SP500, le linee verdi ed azzurre nel grafico. Guarda caso l' indicatore di Hurst che segnala le possibilità di un market crash trova la stessa debolezza dei miei Trend sull' SP500. Non mi addentro in particolari tecnici ma semplicemente possiamo oservare che l' indice ha una minore densità perchè sale e scende e non ha la continuità che gli dà una frequenza costante nel raggiungere nuovi massimi. L' SP500 ad esempio assomiglia ad un piano di cottura dove i fuochi funzionano ad intermittenza e c'è quindi la probabilità che cessi di funzionare come ci è appena capitato. Ora per citare delle analogie storiche possiamo andare al 2010 quando Trichet rese pubblico il problema della Grecia ed allora l' SP500 scese dai 1.217 punti del 23 aprile ai 1023 del 2 luglio generando una correzione del 16%. Se applichiamo la stessa correzione ai 2.091 punti del massimo del dicembre 2014  troviamo 1.757 punti. Il 2011 è stato anche peggio perchè l' SP500 dai 1.364 di fine aprile punti scese ai 1.099 dei primi di ottobre generando una correzione del 19,4% che se applicata ai 2091 porta ai 1.685 punti. Abbiamo due domande a cui rispondere: a che punto sono i negoziati con la Russia e con la Grecia? L' SP500 tra gennaio e febbraio ha generato un doppio minimo di forte supporto sul Trend a lungo ed ha trovato una tripla resistenza sull' area 2.064, quindi è in laterale in attesa di fornire delle risposte.


giovedì 5 febbraio 2015

Previsione di oggi sull' FTSE MIB

Ieri sera 4 febbraio verso le 19 avevo pubblicato nel Blog ETF
il seguente grafico dell' FTSE MIB dove l' onda dei massimi
aveva previsto la discesa di ieri 4 e di oggi 5 febbraio.
Poi sono giunte le decisioni sul debito Greco ed allora anche se
un Trend Follower non dovrebbe mail leggere nelle intenzioni
credo possibile che ora abbiano deciso di fare uscire la Grecia
dall' Euro anche per evitare il contagio.
Infatti se mantenessero la Grecia nell' Euro tagliando di nuovo
il debito poi probabilmente lo dovrebbero fare con l' Italia ed il
costo di questa operazione in nome delle crescita sarebbe molto
elevato. Noi abbiamo fatto uscire Cottarelli e la spending review.


domenica 1 febbraio 2015

L' economia U.S.A. sbaglia?!

Venerdì abbiamo appreso che l' economia Americana nel quarto trimestre
2014 è cresciuta del 2,6% verso una previsione degli economisti del 5% e
allora viene da pensare che l' economia non abbia capito tutti gli forzi delle
quantitative easing 1 e 2.
Anche il prezzo del petrolio che si è più che dimezzato senza che nessuno
lo prevedesse ora va in laterale a circa 47 dollari mentre alcuni economisti
lo valutano a 70$ forse perchè il costo di estrazione della Shale Oil è 70$?
In queste disparità di vedute tra gli ottimisti e la realtà vediamo anche cosa
aveva visto e vede l' armonia dei numeri, ovvero la statistica.
Il Segnale della TrendLine in rosso sovrasta la TrendLine in verde, è come
un semaforo che dice Attendi che la linea verde si porti sopra alla rossa, non
si passa e non si acquista con il rosso.
Il trend calcolato a medio termine è in downtrend cioè in ribasso dal massimo
di novembre però i suoi minimi continuano a supportare ottimismo generato
dagli economisti che di recente hanno visto al rialzo il PIL Americano 2.015
mentre dai trend storici risulta stabile e leggermente declinante.
Non ci resta che attende con pazienza che o l' economia acceleri al rialzo o
che SP500 continui con la correzione fino al prossimo minimo a .... punti.