martedì 29 ottobre 2013

FTSE MIB sul brevissimo

L' FTSE MIB ieri ha interrotto la discesa ed oggi ha messo
a segno un poderoso rialzo aiutato dall' andamento positivo
del Dow Jones Industrial che ora è in corsa per salire su un
nuovo massimo.
Come si nota dal grafico l' indicatore a brevissimo dopo aver
toccato un minimo venerdì ieri aveva annunciato l' inversione.
Ma in questa dinamica la Tendenza della Fiducia purtroppo
non ha ancora invertito al rialzo e quindi se siamo entrati long
ieri dobbiamo stare attenti alle possibili prese di profitto.
Mentre se abbiamo atteso ora non è il caso di affrettarsi ad
entrare in assenza di una indicazione più precisa o meglio di
una conferma dell' indicatore Tendenza della Fiducia.
Si può anche fare del Daily Trading seguendo l' onda dei
segnali a brevissimo ma in questo caso è importante avere
stop loss stretti in attesa di ulteriori sviluppi dell' indice che
confermino il trend positivo.


domenica 27 ottobre 2013

Wall Street dei risultati

Mi sono fatto l' idea che a Wall Street mirino a fare i risultati
e fino a che possono vanno avanti.
Con questi principi il Dow Jones ha guadagnato in 11 mesi
il 25% mentre il mio Trading System sul Dow Jones sempre
acquistando 4 e volte sui massimi di giornata e vendendo 4
volte sui minimi ha guadagnato il 37,1.
Se non basta si possono scegliere le azioni che guadagnano
storicamente più dell' indice o un ETF X2 di buona marca.
E' da notare che il Trading System non prende rischi perchè
segue la tendenza del mercato genera un segnale di vendita
quando ci sono cambiamenti.
Il Trading System identifica anche i punti di inversione del
mercato da ribassista a rialzista.
Ecco il grafico che spiega l' operatività del Trading System.













Però è giusto anche farsi un' idea del futuro che ci aspetta ed
allora ecco una visione del Trend dal minimo del marzo 2009.
Nelle parti cerchiate in arancione del grafico notiamo che il
Trend Composito disegna lo stesso schema che precedette la
correzione del 2011.
Inoltre la linea di tendenza a lungo ha compresso la volatilità
rialzista e quando questo è accaduto sul Dow Jones dal 1928
ad oggi, cioè da quando disponiamo dei dati, è seguita una
importante correzione.
Ma in questo caso il trading System tiene fuori dal mercato!






















Chissà che Nasdaq super rialzista, dove le aziende crescono di
più di quelle del Dow Jones non ci dia un messaggio differente.
A ben guardare il grafico il trend rialzista sembra in esaurimento
anche qui e quando in passato si giunse a questa configurazione
della tendenza a lungo dopo un poco seguì una presa di profitto.
Sembra solo questione di tempo però c'è l' incognita Q2 o Q3
ed in ogni caso non trascuriamo il problema delle banche in Cina.
In Cina ed in Giappone ora il Trading System suggerisce short
o più tranquillamente fuori del mercato.












giovedì 24 ottobre 2013

Oro fino a 1.480?

Cogliendo di sorpresa alcuni analisti l' oro ha dato un segnale di
inversione da ribassista a rialzista ed ora il suo obiettivo sono i
ben 1.480 dollari.
Come sempre non è una assicurazione ma una proiezione che va
controllata ogni giorno anche perchè potrebbe raggiungerli in due
riprese con una piccola correzione nel mezzo.


mercoledì 23 ottobre 2013

I rialzi e le divergenze

Tutti i rialzi di borsa generano anche delle divergenze tra i primi 
della classe e gli ultimi. Nell' economia globale è importante che 
gli ultimi della classe non siano poi così negativi se importanti da
generare un impatto negativo sul PIL globale.

Ma come sempre procediamo per gradi nell’ analisi di alcuni indici 
Europei ed Asiatici importanti.

Il nostro FTSE MIB ha superato prima quota 18.000 punti e poi
19.000 e questo è un segnale che il mercato in media pensa che
l' Italia possa farcela a superare la crisi del debito pubblico e che
si stia avviando verso una moderata crescita.
Oggi è stata un giornata negativa che ha portato tutti gli indicatori
statistici in negativo a fa presagire una fase di presa di profitto che
da sola non ci dice molto se non scende sotto quota 18020 punti.









Il DAX tedesco , assieme agli indici Americani, ha raggiunto nuovi 
massimi storici. Questo era prevedibile anche perchè il suo minimo 
del 2009 era stato superiore a quello del 2002 come per il Nasdaq
Americano che rimane con gli indicatori positivi.
La correzione di oggi equivalente ad uno starnuto autunnale e non
dovrebbe impensierire se i suoi principali mercati sono in salute.
Infatti anche se il DAX ha una indicazione di ipercomprato nel Ciclo 
a Medio il suo Trend Composito rimane stabilmente rialzista.










La CINA è un mercato importante sia per la Germania che per l' 
America ma da gennaio presenta un andamento tra il laterale ed 
il ribassista a seconda degli indici che andiamo ad esaminare.
L' indice di Hong Kong è tra il laterale ed il ribassista perchè ha
realizzato l' ultimo massimo a fine gennaio e da due settimane ha
un andamento negativo sia sul Ciclo che sul Trend.


L' indice Shangai Composite si dimostra invece ribassista da fine
gennaio anche se la produzione industriale aumenta perchè ora è 
trainata più dai consumi interni che dall' export ma il credito?
Le banche Cinesi sembra non abbiano fatto un uso accorto delle 
risorse finanziarie che le sono state assegnate ed hanno problemi
di perdite su crediti, tanto che secondo alcuni dovranno ricorrere
a procedure di bailout come a Cipro per intenderci.













Difficilissimo pronunciarsi su questi argomenti perchè i problemi
di credito sono asintomatici fino a quando non scoppiano.
Quindi non preoccupiamoci anzitempo, ma prestiamo attenzione 
anche perchè la sopravvalutazione dei mercati non è sicuro che 
paghi a lungo o almeno nella prima metà del 2014.

domenica 20 ottobre 2013

Forex: Euro/Dollaro

Dopo il rialzo dell' Euro in questa settimana probabilmente siamo su un
massimo intermedio e quindi per qualche giorno può correggere un pò.
Sul medio termine invece la linea della tendenza primaria ci dice che il 
cambio Euro Dollaro ha due obiettivi realizzabili: 137,4 facile e 138,5

un pò più difficile ma pure possibile. 
Non resta che seguire la Tendenza tenendo conto delle sue oscillazioni
con l' analisi statistica.


Google

Google è un' azienda leader mondiale da Internet al sofware Android
degli smatphone e dei tablet che ha un obiettivo di crescita del profitto
tra il 2014 ed il 2013 del 20%.
Nell' ultima trimestrale ha colpito la sua capacità di attrarre pubblicità.
Nel grafico riporto l' andamento di Goole nel 2013 che a luglio non
aveva centrato gli obiettivi e da li titolo aveva assunto una tendenza un
pò laterale e ribassista fino al doppio minimo di 10 giorni fa.
Poi il mercato aveva iniziato di nuovo a scommettere su un rialzo che
si è consolidato venerdì quando Google ha superato gli obiettivi.
Nel grafico vediamo che il Ciclo a medio aveva una tendenza rialzista
e che la Volatilità del trend aveva la linea verde sopra quella rossa il
che significa che il semaforo per gli acquisti era aperto.
Osservando l' andamento del "semaforo" nel 2013 questo ci ricorda
che è bene seguire il mercato anche con l' analisi tecnica al fine di
cogliere le opportunità ma anche di evitare i problemi soprattutto ora
che non tutto il mercato ora è toro, alcuni settori si stanno fermando.

sabato 19 ottobre 2013

Nasdaq 100, Dow Jones, DAX e Forex

Oggi procedo con una veloce ma significativa rassegna ed inizio
dal parabolico Nasdaq 100 che ieri è stato il migliore indice di
Wall Street. Come evidenzia il grafico ultimamente gli indicatori
di Trend sono stabili e quello di ciclo dà il ritmo per il trading di
medio periodo.
Quando gli indicatori di Trend sono stabili è molto probabile che
l' indice proceda parabolico fino a quando la Volatilità del Trend
non annuncia dei problemi come a maggio 2013 per il Nikkei.








Il Dow Jones, come l' indice svizzero e quello Inglese presenta degli
elementi rialzisti e ribassisti però al momento ha il segnale di acquisto
aperto come quasi tutti i principali indici.
Attenzione che il Nasdaq genera l' ottimismo che è trainante per tutti.

Il DAX invece ha un' impostazione costantemente rialzista ed anche
qui l' indicatore di Ciclo a Medio è la base per il trading di periodo.
L' indice francese, il CAC40, è rialzista come il DAX






Il Forex Euro Dollaro vede un rafforzamento dell' Euro dopo i problemi
di controllo del del debito pubblico americano che sono emersi nella fase
del Sequester.
Prima Fitch aveva minacciato il downgrade del debito americano poi lo
ha fatto una agenzia cinese ed il dollaro di è svalutato, un vantaggio per
l' export americano. Ora e' probabile un pò di presa di beneficio.






Dell' Italia ho parlato ieri ed oggi non ho altro da aggiungere.



venerdì 18 ottobre 2013

L' FTSE MIB ed il Dow Jones

Questa vuole essere una visione delle tendenze dei mercati che
tiene conto di indicatori statistici fortemente influenzati dalla 
fiducia degli investitori.
Il nostro FTSE MIB dal minimo di giugno ha fatto tutto giusto
perchè nelle sue forti oscillazioni ha sempre superato il test di 
Fibonacci che ora si trova a 18.000 punti.
Ora l' indice ha portato il valore della Tendenza Primaria al
a ben 106,3 che è molto vicino al massimo degli ultimi anni.
Ora qualche problema emerge nella Volatilità del Trend per
cui ulteriori ascese diventano piuttosto faticose, al contrario
ad oggi non ci sono chiare indicazioni di correzioni.









Vediamo ora una prospettiva storica sul Dow Jones che ora di
nuovo propone il problema della divergenza tra l' indice rialzista 
e l' indicatore della Tendenza della Fiducia (il Trend Composito)
che ora è ribassista.
Come si vede dal grafico in passato questa divergenza ha portato 
a delle correzioni di mercato ed ora vediamo se questo indicatore
sarà recuperato o se assisteremo ad una fase critica di mercato.

Tra gli indicatori economici negli Stati Uniti c'è il sondaggio Gallup 
sulla fiducia degli operatori economici che negli ultimi anni è andato 
di pari passo con gli indici di borsa ed ora come la Tendenza della 
Fiducia sul Dow Jones è che ora discesa a causa dei disaccordi 
sul tetto del Debito pubblico Americano.
In considerazione di questa correlazione ho cambiato il nome del 
Trend Composito in Tendenza della Fiducia che anche cambiare al 
rialzo, ma se si mantiene bassa porta ad una correzione di mercato.








mercoledì 16 ottobre 2013

FTSE MIB a 19.700 punti?

Il nostro FTSE MIB sta crescendo e sembra non ci siano ostacoli
sulla sua via, ma un obiettivo lo avrà pure anche il nostro indice.
Per valutare l' obiettivo raggiungibile ho usato il valore massimo che
il Trend Composito ha raggiunto dopo il 2009.
Il valore ora del Trend Composito è di 105,4 e se prosegue il rialzo
come gli indicatori lasciano intendere il valore può anche raggiungere
il valore massimo di 110,3 e l' indice finire a 19.700 anche entro la
fine del mese di ottobre.
Naturalmente nulla è garantito ma il trend va controllato ogni giorno
per verificare che non che non si frappongano degli ostacoli.










martedì 15 ottobre 2013

La tendenza del Dow Jones

Che probabilità ha il Sequester di portare al del default degli US?
L' 1%, si perchè potrebbero anche compiere un errore ed arrivare
al default, ma al 99% questo non accadrà!
Quindi non ci sarà alcun impatto del Sequester sull' economia?
E' anche probabile che la soluzione del problema del Sequester
porti ad una frenata allo sviluppo dell' economia a stelle e strisce
e questo preoccupazione è è rilevabile dall' analisi tecnica dell'
indice Dow Jones.
Infatti, mentre la linea tracciata dai massimi e dai minimi del Ciclo
a Medio è rialzista quella tracciata dai massimi e dai minimi del
Trend Composito è ribassista.
E la stessa dinamica è riscontrabile sui massimi degli indicatori.
Queste linee ci portano ad intravvedere la formazione della figura
geometrica del triangolo che a breve indica una probabile fase di
lateralità dei mercati.
Ma a breve vedremo se la risoluzione dei problemi del Sequester
saprà invece fornire nuova linfa ai mercati e spingerli anche verso
nuovi massimi, i segnali di acquisto sugli indici sono aperti.


venerdì 11 ottobre 2013

Borse in attesa con FTSE MIB sui massimi

Borse in attesa dell' accordo tra democratici e repubblicani sul
tetto del debito pubblico e la questione non è di poco conto.
I democratici desiderano espandere il debito pubblico per dare
più servizi ai loro cittadini, mentre i repubblicani non vogliono
prendere il rischio di aumentare il debito per una politica che
non condividono.
Le borse ora scommettono che si accorderanno ed allora noi
attendiamo il risultato la prossima settimana.
Intanto diamo un' occhiata al nostro indice dove il Segnale di
Ciclo a Medio valuta che siamo su un massimo, mentre il Trend
Composito dà ancora un pò di spazio di salita.
E' una questione di visione più o meno ottimista che può portare
come risultato a dei parametri del Trend più o meno elevati.
Siamo alla filosofia della statistica dell' ottimismo.


giovedì 10 ottobre 2013

Fotografia dell' FTSE MIB

Ecco il grafico dell' FTSE MIB aggiornato oggi alle 13:00 che ha il
Trend Composito con il suo Segnale a zero, mentre il Ciclo Medio
è negativo da un paio di giorni.
L' indice è trainato dal Ciclo a Breve che rimane crescente qualora
l' indice cresca almeno dell' 1% al giorno.
La situazione tecnica dell' indice è simile a quella del Nikkei del 20
maggio 2013, ma è solo un' analogia tecnica e nulla è definitivo!













martedì 8 ottobre 2013

FTSE MIB Obiettivi e supporto

Anche ieri in una giornata negativa per le borse il nostro FTSE MIB
ha raggiunto un esito positivo ma contemporaneamente l' Indicatore
di Ciclo si è avvicinato allo zero e questo può significare che il rialzo
è vicino ai suoi obiettivi.
Con il Trading System ho calcolato 3 probabili livelli di rialzo dai
18.426 punti che il nostro indice ha raggiunto ieri.
Il primo a 18.460 che può essere raggiunto e superato anche oggi,
il secondo a 18.740 punti ed il terzo a 19.000 punti.
Proseguendo è probabile una correzione o meglio un ritracciamento
che non deve scendere sotto il supporto di 17.640 punti affinchè la
tendenza dell indice abbia la probabilità di rimanere rialzista.
Infine non rimane che seguire l' andamento delle borse tutti i giorni
per capirne la probabile evoluzione e naturalmente prendere profitto
prima o in contemporanea ai cambiamenti di tendenza.


sabato 5 ottobre 2013

FTSE MIB sul terzo ciclo rialzista

Il nostro FTSE MIB ha sprintato sul terzo ciclo rialzista dopo
avere superato di nuovo il test di ritracciamento di Fibonacci
che molti traders considerano importante.
Da questo punto di vista, come riportato nel grafico che segue
la tendenza rialzista prosegue da fine giugno.
La borsa Italiana resta sempre molto volatile ma una ritrovata
compattezza dello schieramento al governo dà fiducia.



Mentre se valutiamo l' FTSE MIB da un punto di vista del Ciclo
a Medio termine siamo sul terzo ciclo rialzista e l' obiettivo molto
ambizioso sono i 20.000 punti, ma bisogna seguire tutti i giorni
per capire se questo obiettivo sarà raggiunto.






Il Dax è in laterale appena uscito dalle elezioni tedesche che sono
andate nella direzione attesa dai mercati. L' indice per il momento
non ha segnali di acquisto anche perchè ha già dato tutto.












Il Dow Jones presenta bene tutti i problemi del Sequester che non
è di facile soluzione soprattutto politica.





Gli indicatori utilizzati sono il risultato di uno sviluppo 
personale che è protetto da © Copyright





venerdì 4 ottobre 2013

Wall Street ed i numeri "magici"

Come avevo riportato nel grafico del Dow Jones la scorsa settimana ed
ho confermato ieri in quello dell' FTSE MIB, all' inizio di una tendenza
rialzista sia un indice che di azioni viene compiuto un test di ritracciamento
sul primo rialzo.
Se il ritracciamento rimane inferiore al 61,8% del primo rialzo la tendenza
rialzista ha ottime possibilità di continuare.
Non è una assicurazione ma le probabilità a favore della continuazione
del rialzo sono elevate soprattutto se l' indice o le azioni hanno volumi
importanti e quindi sono molto liquide.
Un altro numero importante in economia è il 90% del rapporto debito
PIL perchè rappresenta la soglia oltre la quale il debito inizia a frenare
la crescita del PIL e si auto alimenta come è accaduto in Italia.
Ed il Sequester in corso negli stati Uniti è il meccanismo finanziario che
ha l' obiettivo di frenare la crescita del debito pubblico prima che questo
diventi un freno all' economia nel medio e lungo periodo.
Ma nel breve periodo in Sequester ha un impatto negativo sul PIL ed
è quello che Wall Street in questa settimana sta mettendo in conto.
Ma osservando la divergenza tra andamento dell' indice rialzista e quello
negativo del trend composito è un problema che gli investitori stanno già
mettendo in conto da un pò di tempo.



Anche nell' SP500 è riscontrabile la divergenza presente nel Dow Jones
anche se in minore misura perchè l'SP500 comprende il Nasdaq100.






Infatti solo ieri il Nasdaq 100 ha generato un segnale rialzista dove il Trend
Composito ha formato una piccola divergenza ribassista con il precedente.
Ma il Nasdaq a Wall Street è sempre l' indice più rialzista e solo alla fine
di una fase di tendenza rialzista dà il segnale di inversione.
Quindi fino alla conferma del segnale ribassista del Nasdaq non è ancora
detta l' ultima parola.



Invece nel Nikkei, che ho appena aggiornato in 5 minuti, sia il Trend
Composito che l' l' Indicatore di ciclo confermano che una tendenza
ribassista è in atto, come nel Dow Jones Industrial.



giovedì 3 ottobre 2013

L' FTSE MIB riguadagna fiducia

In questa settimana la politica ci ha fatto vedere tutto ed il contrario di
tutto ed alla fine il nostro FTSE MIB ha riguadagnato la fiducia degli
investitori finendo di nuovo sopra i 18.000 punti.
Nel grafico seguente riporto un indicatore diversificato o meglio ibrido
perchè mette assieme un indicatore di ciclo a medio con un indicatore
su test di Fibonacci al 61,8% che mostra un andamento rialzista dalla
fine di giugno ad oggi.
E proprio perchè l' indicatore di Fibonacci ha resistito c'è chi vede un
obiettivo a 20.000 sul nostro FTSE MIB, ma attenzione che il supporto
a 17.400 deve tenere, oppure è molto meglio seguire le indicazioni del
prossimo grafico.












Questo grafico invece riporta gli Indicatori di Ciclo a Medio ed quelli del
Trend Composito che vedono lateralità anche un pò ribassista.
Cioè sembra siamo in presenza di un doppio massimo e poi vediamo Wall
Street dove ci porterà.
Li il Sequester per ridurre il debito pubblico sta lavorando mentre noi ancora
non ci stiamo pensando e quindi i problemi non sono finiti.