sabato 28 settembre 2013

Siamo all' inversione del ciclo?

La settimana scorsa scrivevo che c'erano dei segnali di massimo e
questa settimana riscontrando che i segnali di ciclo sono diventati
negativi valuto che molto probabilmente siamo in correzione dopo 
un massimo. 
Ma come al solito facciamo la rassegna di alcuni mercati iniziando
dal nostro FTSE MIB che come il tedesco DAX ha il segnale di
Ciclo e del Trend Composito in negativo con la linea rossa che si
è sovrapposta alla verde. Quindi il semaforo per acquisti è rosso!




Il grafico del DAX ha i segnali allineati al nostro FTSE MIB.












Utilizzo ora il grafico del Dow Jones per dimostrare come funziona
il Trading System. La linea blu è costituita con 3 formule, la prima
ha trovato l' inversione ed ha generato il primo segnale d' acquisto.
La seconda ha superato il test del supporto di Fibonacci perchè la
linea blu è rimasta positiva.
La terza ha trovato la continuazione nel trend medio che però ha
segnalato un piccola divergenza con l' andamento dell' indice ed
ha cercato il segnale di ciclo che appena è andato in negativo ha
generato la vendita con il numero 2.
Poi ii segnali di ciclo a medio ha generato altri 2 acquisti numerati
3 e 5 e due segnali di vendita numerati 4 e 6.
Supponendo di avere acquistato sempre sui massimi di mercato
del giorno e di avere venduto sempre sui minimi il Trading System
dal minimo di novembre 2012 ha guadagnato 3.531 punti mentre
l' indice Dow Jones ne ha guadagnati 2.786.
Quindi il Trading System ha battuto l' indice e può essere messo
in vendita su questo Blog.






Nel prossimo grafico, sempre del Dow Jones, si evidenzia come le
divergenze tra l' andamento dei trend e dell' indice stiano crescendo.
Questo probabilmente è un segnale di una inversione dei mercati da
rialzista a ribassista, ma è presto per dirlo, servono altre conferme
anche perchè la percezione collettiva è che il mercato sia rialzista.









Anche nel Nikkei il Segnale del Ciclo a medio è diventato ribassista
mentre il Segnale del Trend Composito resiste per ora flat.









In Cina invece entrambe i Segnali sono già negativi indicando una
più marcata presa di profitto.
Il mercato nell' ultimo anno ha premiato soprattutto la liquidità il
che fa immaginare qualche forma di sopravvalutazione.



Infine, come abbiamo potuto notare questa settimana i mercati si sono 
mossi tutti in modo sincronizzato, cioè nella stessa direzione ribassista.
E la prossima come sarà? Bisogna seguire giorno per giorno usando l'
aiuto del Trading System i cui risultati stanno che sta per essere messi
in vendita in abbonamento a 30 Euro al mese su questo Blog
Gli indicatori utilizzati sono il risultato di uno sviluppo personale che è
protetto da © Copyright




sabato 21 settembre 2013

Segnali di massimo

Ieri nelle borse era giornata dei futures trimestrali ma il risultato
non è stato positivo e sono apparsi segnali di massimo di ciclo
con il Trend Composito che non ha completato il ciclo rialzista.
Avevo notato questo problema tecnico già nell' analisi del Dow
Jones ed in questi ultimi giorni ho affinato il calcolo del Trend
Composito ed ecco i risultati.

Anche il nostro FTSE MIB, come il Dow Jones, ha i massimi
del Trend Composito in discesa anche se raggiungendo quota
18.000 punti ha segnato un massimo superiore a tutti quelli del
2013 e del 2012.
Dopo la chiusura di ieri solo l' Indicatore di Ciclo a Breve ha
dato un segnale negativo e malgrado questo segnale non sia
determinante ricordo che a fine agosto fu proprio l' Indicatore
di Ciclo a Breve che annunciò il recente rialzo.





Nel DAX risulta evidente che la dinamica di massimi dell'indice
crescenti assieme a massimi del Trend Composito crescenti per
ora è svanita e che il segnale di Ciclo a Medio è rosso, quindi
è negativo e per ora sconsiglia gli acquisti.





Dopo affinameti di calcolo del Trend Composito vedo nel Dow
Jones Industrial un obiettivo teorico di rialzo a 16.145 ma vedo
anche che il Segnale di Ciclo a Medio sta cambiando direzione
da rialzista a ribassista.
Comunque il segnale del Trend Composito resta positivo, quindi
è solo un campanello di allarme tutto da verificare, ma se l' indice
non riprende a salire c'è da preoccuparsi.
Anche i rialzi hanno le loro regole ed i loro vincoli.





L' SP500 conferma le osservazioni fatte sul Dow Jones.





Il Giappone ha raggiunto il valore del massimo precedente ma
sembra non abbia finito il rialzo ma anche qui la forza del Trend
composito si è ridotta.
Venerdì mattina i futures americani erano positivi ed allora è il
caso di attendere la chiusura di lunedì per verificare poi come
saranno posizionati gli indicatori tecnici.





La Cina sembra tenere il livello del Trend Composito anche
se venerdì il mercato era chiuso e quindi anche qui è il caso
di attendere lunedì per verificare.






L' Indonesia era già stata colpita a fine maggio dal fenomeno
del Trend Composito che aveva perso forza perchè non era
riuscito a completare il ciclo rialzista.
Non è sicuro che quanto accaduto in Indonesia si ripeta sugli
altri mercati ma questi sono segnali che non vanno sottovalutati
e confermano che il mercato va seguito ogni giorno.








bbb

giovedì 19 settembre 2013

Le prospettive del Dow Jones


A fine agosto l' indicatore di direzione a breve aveva già anticipato la
possibilità del rialzo, poi il caso della Siria si sta risolvendo senza una
nuova guerra, il caso Berlusconi si sta risolvendo senza una nuova crisi
di governo e per ultimo la FED ha sospeso il tapering perchè i tassi a
lungo sui mutui e sui bond sono saliti.
Questi sono tre ostacoli che il mondo ha evitato e quindi la tendenza
rialzista si sta dispiegando tutta la sua forza.
Sorge allora la domanda "qual' è l' obiettivo delle tendenza del rialzo"?
Bene, il Trend Composito raggiunge un valore massimo di 90 e questo
accadrà quando il Dow Jones raggiungerà il valore di 15.939 punti.
Inoltre la volatilità del trend, che è un componente del trend composito,
raggiungerà il suo massimo se il rialzo si prolungherà fino a 16.540.
Dell' obiettivo di prezzo del Dow Jones a 16.500 punti avevo già
scritto nel Blog all' inizio di agosto.
Il raggiungimento di questi 2 obiettivi confermerebbero che il mercato
continuerà ad essere rialzista.
Ma allora siamo sicuri che tutto ciò accadrà oppure dobbiamo fare
il controllo tutti i giorni che il mercato sia in questo canale rialzista?
La minaccia dei tassi a lungo è ancora presente quindi non possiamo
dare nulla per scontato ed abbiamo bisogno del controllo giornaliero
dei trend e dei cicli delle borse, il recente caso Indonesia insegna.


lunedì 16 settembre 2013

La tendenza positiva viene confermata

Una tendenza del mercato è positiva è in atto perchè nel mondo reale
accadono fatti che vanno nella direzione attesa dal mercato.
Oggi è un giorno positivo perchè la crisi con la Siria sta trovando una
soluzione pacifica ed il candidato alla presidenza della FED Summers,
non troppo accomodante con una politica espansiva degli acquisti di
bond della FED, si è ritirato.
Resta quindi in lizza per la presidenza della FED Janet Yellen che è
propensa a mantenere i tassi a breve allo stato attuale fino al 2016.
Questa reazione dei mercati è un chiaro messaggio di appoggio alla
Janet Yellen che Obama dovrà soppesare, anche se ci sono altre
autorevoli candidature.
Oltre a mantenere bassi i tassi a breve il nuovo presidente della FED
dovrà mantenere alto anche l' acquisto dei Bond per fare ritornare i
tassi a lungo sotto il 3% e garantire così dei tassi dei mutui attorno
al 3,5% mentre ultimamente sono saliti fino al 4,5%.
Chiunque vinca la presidenza della FED avrà qualche difficoltà a far
invertire al ribasso significativamente i tassi a lungo, ma gli strumenti
non mancano, intanto godiamoci una giornata di rialzi.







sabato 14 settembre 2013

Wall Street guida il rialzo

Wall Street sta guidando anche questa fase di rialzo che è iniziata
con il segnale sull' indicatore di direzione e breve di fine agosto.
In mezzo c'è stato il minacciato attacco degli Stati Uniti alla Siria
che ha rischiato di rompere le uova nel paniere.
Ma poi ha prevalso la tendenza rialzista del mercato come è ben
evidenziato anche dai segnali di conferma del rialzo che si sono
succeduti e sono numerati nel grafico dell' SP500:






FTSE MIB che sta partecipando al rally è in altalena da più di un
anno anche perchè da 20 anni la politica è in attesa di una ripresa
economica poderosa che risolva il problema del debito pubblico
che nel frattempo ha superato il 130% del PIL.
L' idea di ridurre i costi del settore pubblico che soffoca la crescita
economica per ora resta marginale.




Il DAX tedesco con un guizzo suggerito dalla forza rialzista di Wall
Street si è portato finalmente sul massimo del 2013.




Anche il Nikkei giapponese e la Cina hanno beneficiato dell' ottimismo
anche se non già sul massimi del 2013 che non è certo raggiungeranno.
Quindi è meglio seguire giorno per giorni i mercati perchè le sorprese
non finisco mai come gli esami della vita.













venerdì 13 settembre 2013

Semaforo giallo sulle borse

L' ultimo giorno di agosto la linea gialla dell' indicatore di direzione
a breve aveva dato un segnale di possibile rialzo che ieri sembra
essere giunto al suo compimento sia sull' nostro FTSE MIB che
sul principale indice americano, l' SP500.
Sarà interessante verificare se oggi il segnale di fine del rally sarà
confermato o se riprenderà il rialzo.
Al momento gli indicatori a medio termine sono ancora positivi
quindi per capire la direzione che andranno a prendere le borse
bisognerà attendere la prossima settimana.
Il segnale di direzione a breve è molto preciso e spesso dà delle
indicazioni che vengono poi confermate dai segnali a medio.
Nel frattempo raccomando massimo prudenza e buone prese di
eventuali profitti.

FTSE MIB









SP500


mercoledì 11 settembre 2013

Linkedin ed il Nasdaq su nuovi massimi

Nei grafici oggi riporto Linkedin e poi il Nasdaq100 perché
entrambe sono su nuovi massimi dopo quello di agosto.
Quindi sono loro che guidano il rialzo delle borse che sembra
senza fine, almeno per ora.
Linkedin è il social network di professionale che offre anche
servizi in abbonamento e che grazie a questi servizi ha i profitti
in costante espansione.
Nel grafico il Trend Primario ben descrive le tre onde rialziste

mentre il Trend Composito segnala le opportunità di trading.







La stessa dinamica è ben rilevabile nel Nasdaq100 ed anche qui
un investitore può seguire il Trend Primario oppure molto più
prudentemente seguire le indicazioni del Trend Composito ed
del suo Segnale per cogliere le fasi positive.
Inoltre seguendo le indicazioni del Trend Composito e dei Cicli
non si rischia di rimane coinvolti in imprevisti cambi di direzione
del mercato. 






Attenzione ai tassi a lungo US sempre sui massimi.






martedì 10 settembre 2013

Unicredit e l' FTSE MIB

Oggi prendo in esame i segnali che si sono succeduti sul titolo
Unicredit da fine agosto dopo che l' indicatore di direzione a
breve ha segnalato la possibilità di una fase di rialzo che anche
oggi è stata confermata.
Come risulta dal grafico il segnale sul Ciclo Medio prima ha
confermato il rialzo poi lo ha negato e poi riconfermato.
Solo alla fine il segnale del Trend Composito si  è accodato
alla positività degli altri segnali.
Un segnale dell' incertezza politica di fondo dell' FTSE MIB?







Ed ecco la grafica dell' FTSE MIB che ricalca i segnali ed il
trend di Unicredit. Comunque per ora i segnali sono positivi
e se supera la resistenza a 17.390 che lo ha bloccato oggi
l' indice può aspirare ai 17.688 punti.




lunedì 9 settembre 2013

Fiat Auto ed FTSE MIB in rialzo come previsto

Già il 27 agosto l’ Indicatore di direzione a breve in giallo nel grafico aveva
Preannunciato la possibilità di rialzo per Fiat Group (Auto).
La possibilità di rialzo è stata confermata dopo la chiusura del 4 settembre
sia dal segnale di ciclo a breve che quello a medio mentre oggi dopo un bel
+5% anche Il trend composito è diventato verde!






L’ FTSE MIB con qualche incertezza  è andato un po’ più a rilento  ma oggi 
ha confermato la positività del Trend Composito già consolidata venerdì 6.
Avevo già individuato la possibilità di questa di rialzo iniziato a Wall Street  il 
30 agosto che durerà fino a quando i segnali di analisi tecnica saranno Verdi.
Appena sugli indicatori prevarrà il rosso sarà meglio uscire ed attendere.




Monte dei Paschi di Siena: finalmente...

Il Monte dei Paschi di Siena ha finalmente impostato l' aumento
di capitale anche per rientrare almeno in parte dei due prestiti
obbligazionari dello Stato riducendo così il rischio dello Stato.
Forse questa decisione doveva essere contestuale al secondo
prestito obbligazionario che invece è sembrato un prestito senza
alcuna contropartita, è sembrato quasi un vuoto a perdere.
Non è mai troppo tardi!

sabato 7 settembre 2013

Situazione di attesa

La settimana scorsa Wall Street aveva dato un segnale di rialzo
sul ciclo a breve e questa settimana lo ha completato assieme ad
altri indici; vediamo allora la situazione che si è venuta a creare.

In Europa con FTSE MIB e DAX. Dopo una settimana di alti e
bassi sul nostro FTSE MIB l' indicatore di direzione a breve è
riuscito a mandare in positivo sia il Trend Composito che il Ciclo
a Medio.
Non possiamo dire lo stesso per il DAX tedesco dove i segnali a
medio rimangono ancora preoccupanti.
E' una situazione di tendenze contraddittorie che va controllata
giorno per giorno e titolo per titolo.
Sottolineo inoltre solo seguendo giorno per giorno si possono
intercettare i segnali di cambiamento a breve che anticipano l'
evoluzione di titoli ed indici.

































Anche in America tra il Dow Jones Industrial ed il Nasdaq100 troviamo
una contraddizione perchè il Dow Jones nel suo insieme è un pò ribassita
mentre il Nosdaq100 ha aperto una prospettiva rialzista ma siamo su un
triplo a quadruplo massimo e quindi su una forte resistenza a salire.














In Asia confrontando Cina e Nikkei troviamo una situazione tecnica
di complessiva lateralità e la Cina che è rialzista con tutti gli indicatori
potrebbe anche essere molto vicina ad un massimo relativo.
Gli ultimi dati economici sono confortanti e l' indice può ancora dare
ancora qualche soddisfazione?

















Ma non dimentichiamo che dopo tanti sforzi della FED per tenere i tassi
di interesse bassi quelli a Breve sono allo 0,5% mentre quelli sui muti a
30 anni sono al 4,57%. Una bella differenza, forse troppo!?





mercoledì 4 settembre 2013

L' FTSE MIB non è riuscito ad invertire al rialzo

L' indicatore di direzione a breve 2 che segnalava una tendenza
rialzista non è riuscita ad invertire al rialzo il Trend Composito 1
che rimane ribassista con un primo obiettivo di 16.250 punti.
Da oggi anche l' indicatore di direzione a breve tende al ribasso.
L' evoluzione poi dipenderà molto dalla politica.


lunedì 2 settembre 2013

FTSE MIB rimbalzo a rialzo fino a 18.000?


Nel precedente post di sabato avevo individuato a Wall Street una
ripresa della tendenza rialzista a breve che oggi si è manifestata in
Asia ed in Europa.
Il nostro FTSE MIB si è riportato a quasi 17.000 punti ma non ha
indirizzato la curva verde del trend composito sopra il suo segnale
in rosso.
Confermo quindi che a medio termine per ora non c'è un segnale
rialzista del nostro FTSE MIB..
L' indicatore a breve termine giallo che è in risalita solo se riesce a
spingere anche le curve del Trend Composito verso l' alto conferma
che l' FTSE MIB possa aspirare ai 18.000 punti.
Altrimenti questa è solo volatilità a breve che poi ritorna in giù, ma
in settimana lo scenario si chiarirà.