sabato 31 agosto 2013

Borse vicino ad un supporto importante

Le borse questa settimana hanno continuato la discesa anche a
causa delle tensioni con la Siria e questo conferma la teoria che
afferma "piove sempre sul bagnato" ed il suo opposto.
Ma Wall Street sta impostando un nuovo tentativo di rimbalzo
ed allora verifichiamo la situazione.

Il nostro FTSE MIB ha supporti importanti tra 16.250 e 16.500
e sarà la ormai purtroppo consueta instabilità politica a fare da
arbitro e le ultime notizie lasciano poche speranze.
Sottolineo comunque che sia il segnali di tendenza che quello di
ciclo sono negativi perchè la linea rossa sovrasta quella verde e
quindi il canale dell' indice rimane discendente.


Anche sul DAX gli eventi negativi di questa settimana hanno
portato i segnali di tendenza e di ciclo in negativo e qui un
supporto importante si colloca a 8.090 ma non ci sono dei
segnali premonitori di cambiamento di tendenza.







Lo stesso discorso si applica a cambio Euro/Dollaro anche se
è su un supporto importante ha però il supporto forte a 1,28.
Gli indicatori ora vedono il test a 1,28 come molto probabile.










L' SP500, come vede l' indicatore di direzione a breve ed
il ciclo a medio vuole tentare di nuovo un rimbalzo anche
se il trend composito gli dà poco spazio.
Ieri comunque è rimbalzato sul supporto importante a 1.628
e questo incoraggia i traders almeno a provare il rilancio.












Se SP500 ha delle possibilità di rimbalzo l' oro cede ed il
segnale di ciclo diventa negativo.









Come l' SP500 anche il Nikkei dà una indicazione di Ciclo
a Medio che chiama il rimbalzo ma gli altri indicatori sono
ancora in un canale discendente.
Quindi è meglio attendere delle conferme prima di impostare
eventuali posizioni long.











Anche per la Cina gli indicatori tecnici prevedono prudenza
perchè ancora non ci sono segnali di inversione rialzista di
breve o di medio termine.











giovedì 29 agosto 2013

FTSE MIB probabilmente non ha completato il ribasso

Nel grafico è evidenziato il minimo di fine giugno, mentre
quello di martedì è un minimo solo per il ciclo a breve.
Il trend composito ed il ciclo a medio termine rimangono
ribassisti perchè la linea rossa sovrasta quella verde ed in
questi casi a medio termine arriva un minimo inferiore al
precedente. Ci sono diversi livelli di supporto interessanti.
Non ci resta che attendere settembre per verificare.


mercoledì 28 agosto 2013

L'oro per ora rimane rialzista

L' oro aveva dato dei segnali di inversione di tendenza a fine giugno
seguiti da una presa di profitto tra fine luglio ed inizio agosto.
Poi sia i segnali di ciclo che i trend avevano dato nuovamente dei
segnali di inversione rialzista seguiti dalle conferme quando le curve
verdi sono salite sopra le rosse.
Quindi al momento il semaforo d' acquisto sull' oro è ancora verde
e rimarrà tale fino a che le curve rosse non saliranno sopra le verdi.
Alla fine è un  trading system molto semplice da leggere anche se
è un pò complesso da costruire ma rimane veloce da aggiornare.







Per l' azionario resta sempre esposto il cartello di ieri: Caduta Massi.


martedì 27 agosto 2013

Aggiornamento FTSE MIB ed SP500

La settimana scorsa le borse avevano dato qualche segnale positivo
di ripresa del rialzo anche se alcuni indicatori rimanevano negativi.
Questa settimana è partita complessivamente sul negativo ed oggi
il quadro asiatico conferma la negatività.
Ma vediamo il nostro FTSE MIB confrontato con l' SP500.

Per ragioni di instabilità politica ieri il listino ha perso ed il Trend
Composito che indicava una volontà di ripresa è andato giù.
Per riassumere l' ultimo mese e mezzo possiamo affermare che
dopo il rialzo c'è stata una breve lateralità ed ora c'è un evidente
semaforo rosso sugli acquisti.
Questo è quanto suggerisce la rappresentazione grafica.






Sull' SP500 la positività espressa dal Ciclo a Medio Termine è
controbilanciata negativamente dal Trend Composito che sta
per prendere il sopravvento sul tentativo di ripresa.
Pertanto l' indice per ora può dire addio al tentativo di risalita a
1.708 punti e sta guardando in basso verso un supporto.









Infine per riassumere il quadro complessivo espongo il cartello:


sabato 24 agosto 2013

Wall Street si conferma rialzista e l' Europa segue

L' SP500 aveva dato un primo segnale rialzista solo sull' Indicatore di
Direzione a Breve martedì 20 agosto però mercoledì aveva continuato
la correzione che è terminata con il rialzo di giovedì che ha trovato una
conferma ieri sia dal Trend Composito che dal Ciclo a Medio.
E' la tipica dinamica laterale rialzista che ora ha come obiettivo  1.708
punti entro settembre.
Anche la salita dei tassi dei Bond e dei Mutui ieri ha corretto al ribasso
e si è fermata a 3,8% per i Bond a 30 anni ed a 4,4% per i mutui a 30
anni ma sono sempre valori rilevanti, vedremo il seguito.







Il nostro FTSE MIB captato il primo segnale long di martedì e dopo
un doppio minimo giornaliero mercoledì ha seguito il rialzo, anche se
c'è ottimismo l' instabilità politica rimane e può giocare a sfavore di
posizioni long prese a cuor leggero.







In Germania siamo all' opposto, la Merkel che è la soluzione favorita
dai mercati è in testa ai sondaggi e l' economia dà segnali di crescita.
Molto probabilmente fino alle elezioni del 22 settembre per il DAX,
che ora è impostato al rialzo, non ci saranno problemi, poi si vedrà.



















venerdì 23 agosto 2013

Wall Street ed il modello di Amstrong

Come ho già scritto, nel grafico dell' SP500 che parte dal minimo
del 2011 ora si nota che nell' ultimo rally da fine giugno ad agosto
si è verificata una divergenza tra il trend in risalita dei massimi e la
linea sui massimi del trend composito che è diventata discendente.
Questo fatto è accaduto quando una fase di trend a Wall Street
sta per finire e quindi si va verso una fase negativa di borsa.










Poi confronto i dati dell' SP500 con il modello di Amstrong, che
è un oscillatore a 8,6 anni basato sulle statistica elaborate sui dati
di Wall Street e che ha fornito delle informazioni significative.
La parte del modello riportata inizia da un minimo calcolato dell
13/14 giugno 2011 che è vicinissimo al minio del 15 giugno 2.011
a 1.265 punti.
Nel 2011 il minimo del mercato americano fu registrato il 3 ottobre
a 1.199 punti, cioè 3,5 mesi dopo e con un valore inferiore dell 5,2%.
Il tempo di anticipo del minimo nel modello di Amstrong del 2011
è stato del 3,4%, un margine di errore accettabile su 8,6 anni.
Oggi il modello prevede un massimo di ciclo il 7 agosto 2013 ed
il mio trading system rileva il massimo del 2 agosto 2013 a 1.710
punti di SP500
Ora i massimi del modello di Amstrong coincidono con quelli del
mio trading system, poi vedremo se verrà mantenuto.
Infine il modello di Amstrong per il 2014 prevede un minimo all'
inizio settembre ma considerato i margini di errore del modello
di Amstrong il minimo 2014 può essere stimato tra fine maggio
e fine anno.
Questa è solo una indicazione di massima, poi bisogna seguire
con un trading system con i tempi flessibili ai trend di borsa per
individuare i minimi ed i massimi effettivi.














Ma quali cambiamenti macroeconomici posso portare a questi
cambiamenti nel 2014?
Questo grafico che viene aggiornato e pubblicato dalla FED di
St. Luois evidenzia come i tassi sui mutui a lungo termine stiano
avendo una evoluzione ascendete problematica.
I tassi sui mutui e sui Bond sono scesi dal 2008 fino al maggio
2013 grazie alla politica monetarie esapnsiva della FED.
Poi il mercato ha prezzato sia sui mutui che sui Bond il rischio
di credito della politica monetaria della FED ed i tassi si sono
letteralmente impennati.
Il rialzo dei tassi in genere frena il mercato finanziari ed infatti
sia la FED che la BCE hanno praticato tassi bassi per aiutare
la ripresa che ora sta per essere frenata dal rialzo dei tassi ed
al momento non si vedono rimedi a questo stato di cose.



In conclusione buon fine settimana a tutti ed in bocca al lupo
e non all' Economic Confidence Model del bravo Martin.






FTSE MIB e l' incertezza

Ieri l' FTSE MIB ha realizzato un forte rimbalzo che però
non ha mandato alcun indicatore statistico in positivo.
Questi rimbalzi erano già accaduti anche prima degli altri
ribassi come ben evidenziato dal grafico.
Anche in questo caso riprenderà oppure ci saranno delle
novità positive che riusciranno a far diventare positivi gli
indicatori statistici? La prossima settimana sarà decisiva.


martedì 20 agosto 2013

A Wall Street nuovo record annuale!


Ieri a Wall Street i rendimenti dei Bond a 30 anni hanno raggiunto
un nuovo record annuale al 3,9%.
Osservando attentamente le loro linee di tendenza, la loro ascesa
potrebbe anche fermarsi qui ed iniziare quindi una discesa.
Questo anche perchè alcune previsioni di crescita e di profitto di
importanti società che avevano contribuito ai rally di borsa, come
Walmart Store e JPM, sono deludenti.
Questi sono indizi che fanno pensare ad un periodo di turbolenza
delle borse che potrebbe terminare quando i rendimenti dei Bond
raggiungono un valore attorno al 2,5%.
Perchè questa correzione dei rendimenti accada ci vorrà del tempo
che può essere anche di 6 mesi o più.


Osservando i trend dell' SP500 si nota che nell' ultima fase di rialzo
il trend composito è sceso e questa discrepanza si è verificata negli
ultimi 85 anni della borsa US prima di una correzione importante.
Per verificare le mie analisi ho a disposizione i dati degli ultimi 85 anni
sulla la borsa americana e penso sia un periodo significativo per trarre
delle conclusioni sulle regole di funzionamento.




lunedì 19 agosto 2013

FTSE MIB: come previsto dalla volatilità del trend

Alla metà della settimana scorsa la Volatilità del Trend aveva
preavvisato delle difficoltà ed oggi il segnale di Ciclo a medio
ha confermato e poi non si dica che non è possibile stare in
borsa con la statistica.
Certo la scarsa ambizione dimostrata dal governo nel risolvere 
il problema del debito pubblico e della rigidità del mercato del 
lavoro ha pesato. Sembra che siamo tutti presi dalle questioni
interne e che non amiamo confrontarci sul mercato globale.
Ma tutto questo era già registrato nell' aumento di volatilità
giornaliera che ha poi portato alla brusca inversione di oggi.



sabato 17 agosto 2013

Milano positiva e Wall Street negativa, effetto spread?

Evidentemente gli ultimi eventi politici sono vissuti positivamente dal
mercato e lo spread scende mentre il nostro FTSE MIB è in rialzo
e su un nuovo massimo dell' anno con la maggior parte degli indicatori
positivi.
In controtendenza la Volatilità del Trend ci ricorda che nessun rialzo
è per sempre mentre il mercato globale mostra delle incertezze.

















Il DAX tedesco ad esempio è in una tipica situazione di lateralità con
gli indicatori che oscillano tre la positività e la negatività.











Lo FTSE100 inglese invece è in fase ribassista con un tentativo di
inversione che però lascia le curve verdi sotto le rosse e quindi per
ora il semaforo degli acquisti resta rosso.




Anche l' azionario di Wall Street ha il semaforo degli acquisti rosso e
come sto scrivendo da 10 giorni la causa è nei tassi di interesse in
ascesa sulle obbligazioni di stato e sui mutui.




Ieri i rendimenti dei Bond a 30 anni hanno chiuso su un nuovo massimo
al 3,86%, in rialzo del 36,4% sul minimo dei primi di maggio.
Confermo che in teoria possono ancora crescere di un altro 10% cioè
fino al 4,2% e questa dinamica danneggia la crescita economica US.


L' oro che dai 1.800 dollari l' oncia del novembre 2012 era sceso ai
1.200 di giugno è in rialzo ed ha il segnale d' acquisto verde!
1.200 dollari l' oncia non sono il suo minimo di tendenza storica ma
al momento è un antagonista dell' azionario che fino a ieri sembrava
destinato ad un crescita infinita, almeno secondo molti investitori.


Anche l' indice Giapponese fa parte degli incidi in lateralità perchè
il cambio dello Yen sta recuperando sul Dollaro e quindi la politica
economica dei espansione monetaria sta esaurendo i suoi benefici.






La Cina, che aveva mantenuto una politica incentrata sul controllo
del credito perchè ha una decisa crescita economica, ha il segnale
d' acquisto verde. Però bisogna sempre seguire l' evoluzione del
mercato globale perchè le sorprese possono non essere finite.



venerdì 16 agosto 2013

Wall Street si conferma ribassista

Le elaborazioni statistiche avevano individuato sull' SP500 la formazione
di due massimi vicino al valore di 1.700 tra la fine luglio ed inizio agosto.
Successivamente avevano segnalato un andamento ribassista a partire
dalla chiusura del 6 agosto e tuttora nel grafico le linee rosse sono sopra
quelle verdi prevedendo ancora un andamento ribassista.
Il principale motivo che rende il semaforo statistico negativo la vedremo
nel prossimo grafico.


























Come avevo studiato all' inizio degli anni 1970 al corso di politica
economica i rendimenti delle obbligazioni di stato e di conseguenza
dei mutui bassi aiutano la crescita economica e quindi delle borse.
Infatti la FED con le QE ha perseguito l' obiettivo di mantenere i
rendimenti dei Bond ed i tassi di interesse bassi fino a che il mercato
non ha ripreso il sopravvento a causa di un eccesso di liquidità.
Sempre ai corsi di politica economica si apprende che un eccesso
di liquidità può provocare effetti collaterali indesiderati ma si sà che
i potenti della terra a volte esagerano.


























Allora la domanda che viene spontanea è quando e come questa
situazione indesiderata si risolverà.
Ci vorrà un pò di tempo perchè i tassi a lungo ribassino e ricreino
le condizioni di crescita del mercato Americano, ma è prevedibile
che anche questa volta il mercato troverà la sua strada.







giovedì 15 agosto 2013

FTSE MIB: rialzo in pericolo


Buon giorno, anche sull' FTSE SE MIB la volatilità del trend 
ha dato un segnale negativo e Wall Street si conferma ribassista 
con i rendimenti del Bond trentennale fermi al 3,75%.
E' prudente chiudere le posizioni Long anche sull' FTSEMIB
perchè all' orizzonte si sta profilando un bel temporale.































mercoledì 14 agosto 2013

I tassi di interesse, il nostro FTSE MIB e Wall Street

In Italia lo spread con il Bund diminuisce, cioè i tassi delle obbligazioni 
di stato diminuiscono, ed il nostro FTSE MIB è in recupero. 
Gli indicatori tecnici dell' indice hanno ancora le linee verdi del Trend 
Composito e del Segnale di Ciclo sopra quelle rosse del Segnale. 
Nell’ insieme il semaforo per acquistare è ancora verde, cioè indica di 
tenere aperte le posizioni Long. 
Anche le Medie a Breve indicano positività però attenzione che questi 
indicatori sono lenti ad intercettare il cambiamento del mercato. 









Diversa è la situazione a Wall Street dove sia il Trend Composito 
che il Ciclo a Medio sconsigliano di acquistare a medio termine. 
Al contrario, l' indicatore di direzione a breve, l' area gialla nel 
grafico, è ancora rialzista e quindi il mercato è in una fase laterale 
un pochino ribassista. 









Il motivo di questo stato è principalmente da imputare ai rendimenti 
dei Bond che sono in risalita con tendenza a crescere.
Ieri il tassi sui Bond trentennali sono saliti del 2,45 percento contro 
un piccolo rimbalzello dell' S&P500 dello 0,28%. 
I tassi dei Bond in discesa a marzo ed ad aprile avevano aiutato il 
mercato azionario a salire mentre ora lo stanno comprimendo verso 
il basso per almeno 2 buone ragioni. 
Per prima cosa i tassi alti delle obbligazioni aumentano il costo del 
debito pubblico e fanno aumentare i tassi del mercato immobiliare, 
creando rallentamenti in entrambe i settori. Inoltre riducono il valore 
delle azioni a lungo termine, quindi comprimono il mercato azionario
 nel suo insieme. Osservando nella storia scopriamo che il mercato 
ha impiegato del tempo per uscire da queste difficoltà, ma è sempre
riuscito, basta attendere!



sabato 10 agosto 2013

I mercati tendono a voltare pagina

Settimana in recupero del nostro FTSE MIB però attenzione che Wall
Street sta tendendo a voltare pagina e l' Asia la segue.

Questo è il nostro FTSE MIB che all' inizio e fino a metà del recente rally
aveva mostrato 2 fasi di lateralità ed alla fine ha recuperato.
Ad oggi i segnali di acquisto sono ancora positivi, segno che lo slancio dei
rialzisti non si è ancora esaurito ma come stanno andando gli altri mercati?



Il DAX non ha i segnali di acquisto aperti, infatti le linee rosse sono sopra
quelle verdi ed i massimi dell' indice come i minimi del segnale di ciclo a
medio sono ribassisti. Faccio notare che gli indicatori sono costruiti su linee
di tendenza a lungo termine anche se sono molto sensibili ai cambiamenti.
Quindi si può affermare che il canale di evoluzione ora appare laterale e
ribassista malgrado la ripresa economica sia attesa dietro l' angolo.




L' SP500 che la settimana scorsa aveva segnato un massimo storico
ha infilato di nuovo un canale laterale ribassista.
Vedremo se la prossima settimana confermerà la tendenza ribassista
o se andrà a segnare un nuovo massimo. Intanto massima prudenza!




Il Dow Jones Industrial, dopo il massimo della scorsa settimana, ora è
diventato più ribassista dell' SP500.
Visto a 10 mesi le sue oscillazioni e quindi la sua volatilità è in aumento
il che può far pensare ad un cambiamento di tendenza o meglio che sta
per giungere una fase di correzione del trend iniziato a novembre 2012.



L' andamento del Nikkei è molto legato al cambio Yen Dollaro che
ora sta recuperando perchè il Giappone è un paese esportatore ed
allora il cambio tende a salire malgrado gli interventi della BOJ.
Il risultato è che la tendenza dell' indice diventata ribassista dopo il
massimo di maggio 2013.




Ieri la Cina ha registrato un' aumento della produzione industriale di
luglio migliore delle attese ma la reazione positiva del mercato si è
limitata ad un timido rialzo dello 0,70%.
Un mercato che reagisce poco alle notizie positive è tipicamente in
una fase laterale ribassista mette Se il mercato se fosse in una fase
rialzista al risultato di ieri avrebbe reagito con almeno un bel +2%!




sabato 3 agosto 2013

Rialzo da un massimo

Dopo le incertezze della settimana scorsa l' SP500 nei valori di chiusura
di mercoledì 31 luglio dava un segnale Long nella Volatilità del Trend e
giovedì e venerdì gli indici sono risaliti.
Questo è un rialzo da un massimo che può durare da qualche giorno ad
anche un mese, come al solito bisogna verificare giorno per giorno.

Il nostro FTSE MIB è in rialzo come tutti i listini da fine giugno e dopo le
fasi di lateralità di fine giugno e luglio sta segnalando che probabilmente sta
rientrando in una nuova fase di difficoltà a seguito della incertezza politica.



Il DAX, da un punto di vista tecnico è la fotocopia dell' SP500 anche se non
ha raggiunto un nuovo massimo dopo quello di maggio.





Ed ecco l' SP500 che può anche proseguire in laterale rialzista fino quando
non incontra ostacoli che la FED al momento ha rimosso.





Anche i rendimenti dei Bond a 30 anni ed i tassi sui mutui sono saliti ed
il segnale di ciclo a medio propende per una lateralità rialzista.



Questo grafico del Dow Jones considera i minimi ed i massimi dopo correzioni
di almeno il 20% e l' attuale rally che parte dal marzo 2009 ha messo a segno
una crescita del 136,3% e si classifica tra i rally importanti ma non eccezionali.





L' andamento del Nikkei è molto influenzato dal cambio dello Yen Dollaro ed
ora ha un segnale Long solo sul Segnale di Ciclo.
L' indice ha seguito l'onda rialzista condizionato dallo Yen che sta recuperando
sul Dollaro, ma complessivamente tiene, almeno a breve.





La Cina da febbraio 2013 ha seguito una lateralità ribassista ed ora è in una
fase di recupero. E' una evoluzione è da seguire per verificare se la fiducia
degli investitori sta ritornando perchè la correzione del PIL si è consolidata.


giovedì 1 agosto 2013

FTSE MIB e Stop Loss

Forse perchè condizionato dalla politica, ma nell' ultimo mese il 
nostro FTSE MIB ha generato ben 2 fasi di lateralità che hanno 
mandato la linea verde del Trend Composito sotto quella rossa 
consigliando quindi in entrambe i casi di chiudere posizioni Long.
Meglio è andato il Ciclo a Medio dove l' area gialla del Segnale di 
Ciclo Medio non è mai stata sormontata dalla riga rossa del suo 
Segnale e quindi consigliava di mantenere le posizioni Long. 
Lo stesso dicasi dello stop loss, rappresentato dalla linea verde 
scuro che è rimasta sotto la linea azzurra dei minimi intraday ed
ha confermato il trend rialzista.
Lo Stop Loss così calcolato non è scattato nelle fasi di lateralità
ed ha quindi permesso di seguire il rialzo anche in fase di lateralità 
con alcune possibilità ribassiste.
Sottolineo il fatto che questo non è un Trading System intraday ma 
un Trading System "gestionale" che ha come obiettivo seguire con
profitto i Trend di medio periodo. Buona serata, Paolo Piol.