venerdì 20 ottobre 2017

L' FTSE MIB è ancora alla ricerca di supporto

Nel Grafico dell' FTSE MIB l' indicatore MACD a medio termine in verde
evidenzia le 4 onde rialziste seguite al periodo di accumulo del 2016.
Il MACD dopo avere segnalato l' inizio del rally con i minimi in rialzo ora
ha i massimi delle onde con una tendenza ribassista a medio termine.
L' altro elemento negativo è la linea gialla della tendenza a breve termine
che diminuisce la sua oscillazione e tende a portarsi sotto la linea arancione
della tendenza a lungo.
Del resto l' FTSE MIB è molto popolato da azioni delle banche Italiane che
hanno troppi NPL, crediti inesigibili, come è di recente stato scritto.
Per uscire da questi problemi servirebbe una politica coraggiosa di vendita
degli NPL a società specializzate nella raccolta del credito e concentrazioni
e ricapitalizzazioni bancarie sul mercato.
Tutte cose che non sono gradite ai gruppi di potere che controllano le banche
che sono appoggiati anche da chi accusa la Banca d' Italia ed abbaia alla luna.
Tutte politiche che allontanano la soluzione del problema degli NPL.
Mentre risolvere il problema degli NPL darebbe maggior slancio alla ripresa
economica, ma forse sono un liberale utopista.
I dati sono aggiornati alle 17:35 del 20 ottobre 2017.






giovedì 19 ottobre 2017

Applied Materials sul massimo dell' ottimismo

Applied Materials, Inc., la seconda azienda del portafoglio del Blog, fornisce
attrezzature, servizi e software per la produzione di semiconduttori, display e
industrie correlate in tutto il mondo.
Grazie ai sui brillanti risultati economici ed all' ottimismo del mercato il valore
delle sue azioni dal minimo del febbraio 2016 è salito di ben 3,4 volte.
Questo dimostra ancora che per fare performance bisogna investire sui migliori
titoli seguendo le indicazioni di tendenza del mercato.
In questo ultimo periodo però la volatilità del titolo è aumentata e forse questo
è un segnale che il titolo può preannunciare dei cambiamenti di mercato, nulla
di certo ma altri titoli sono nella stessa situazione.
Un aumento della volatilità non va sottovalutato ne sui minimi ne sui massimi.


domenica 8 ottobre 2017

Un DAX in volatilità

Il DAX dopo un periodo di volatilità con uno spike ha generato un nuovo
massimo a 12.968 punti confermando l' obiettivo di 13.000 punti che era
stato stimato dal trading system in primavera.
Venerdì un job report con una perdita di posti di lavoro ha interrotto il rally
in delle borse e questo nuovo problema si è andato a sommare a quello della
Corea del Nord ed alle difficoltà di Trump nell' applicare il suo programma.
Le ragioni che avevano generato la volatilità in precedenza si sono quindi
complicati e guarda caso il MACD solo per poco ha raggiunto la positività.